TwitterFacebookGoogle+

Paura Brexit, per aziende Gb boom contratti a tempo

Londra – Con il referendum per la Brexit sempre piu’ in vista, le aziende del Regno Unito stanno assumendo sempre piu’ con contratti a tempo determinato, mentre rallentano notevolmente le assunzioni a tempo indeterminato. Il prossimo 23 giugno i cittadini britannici saranno chiamati alle urne per esprimersi sull’eventuale uscita del Regno Unito dall’Unione europea, un fattore che sta creando non poca incertezza negli ambienti economici del Paese. Cosi’, i dati ufficiali ora lo dimostrano, in un clima di attesa e di dubbio le aziende private ora sembrano preferire i contratti a termine, con la speranza che la situazione si faccia piu’ chiara dopo il 23 giugno. A sorprendere e’ in particolare l’aumento di assunzioni a tempo indeterminato, che non e’ stato mai cosi’ basso negli ultimi 33 mesi, mentre il tasso di assunzioni a tempo determinato risulta al momento superiore. Non e’ un mistero che la Cbi, la ‘Confindustria britannica’, si sia piu’ volte espressa contro la Brexit, considerata un fattore di possibile danno all’economia del Regno unito. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.