TwitterFacebookGoogle+

Pd-Cgil: e' l'ora dei veleni, Picierno attacca Camusso

(AGI) – Roma, 29 ott. – Lo scontro non si e’ affatto chiuso sabato, nel botta e risposta mediatico tra piazza San Giovanni e la Leopolda. Prosegue e, oggi, la tensione che sembra scavare un fossato sempre piu’ profondo tra Pd e Cgil tocca il diapason, tra accuse incrociate di fare il gioco dei ‘poteri forti’ (Camusso a Renzi) e di un sindacato che vive tra tessere false e ‘truppe cammellate’ alle manifestazioni di piazza (Pd a Camusso). La leader Cgil ripete a Repubblica che Matteo Renzi e’ a Palazzo Chigi per volere dei poteri forti e cita a sostegno delle sue affermazioni le parole di un’intervista di Sergio Marchionne sulla necessita’ di “togliere i rottami dai binari” e sul presidente del Consiglio che “abbiamo messo la’ per quella quella ragione li'”. A stretto giro risponde il presidente dell’Assemblea nazionale Pd, Matteo Orfini: “Cara Susanna Camusso, Matteo Renzi a Palazzo Chigi lo ha messo il Pd, decidendolo in direzione. E non ricordo festeggiamenti dei ‘poteri forti'”. Ma sono le parole di Pina Picierno a far esplodere lo scontro: “Sono rimasta molto turbata dalle parole di Camusso che dice oggi a qualche giornale che Renzi e’ al governo per i poteri forti. Potrei ricordare – attacca l’esponente Dem – che la Camusso e’ eletta con tessere false o che la piazza e’ stata riempita con pullman pagati, ma non lo faro'”. Argomenti, al di la’ del merito, sicuramente inusuali da sinistra e dalla Cgil la replica e’ dello stesso tenore: “Potremmo, ad esempio, parlare delle primarie in Campania” e altro ancora “ma, come si usa adesso, non lo faremo”. “Siamo indignati per le parole dell’eurodeputata del Pd Pina Picierno. Potremmo dire – prosegue la nota di Corso d’Italia – che l’on. Picierno dice delle falsita’ e delle sciocchezze, forse figlie di una fase di nervosismo e di tensioni, essendo il tesseramento della Cgil certificato. Potremmo dire che non ha argomenti di merito e poco rispetto per le centinaia di migliaia di persone che, con grande voglia di partecipazione, hanno dato vita alla straordinaria manifestazione di sabato scorso”. Corregge la Picierno: “Rispetto il sindacato e il popolo della piazza ma altrettanto rispetto chiedo nei confronti di chi pensa che la sinistra sia cambiamento e riforme e anche nei confronti dell’attuale governo a cui e’ stata data la fiducia dal Parlamento. E non certo dai ‘poteri forti'”. Corregge, puntualizzando, anche Lorenzo Guerini: “Siamo sicuri che Pina Picierno non voleva offendere nessuno, puo’ capitare nel corso di dibattiti accesi, di dire parole eccessive. Noi abbiamo grande rispetto per un importante realta’ sindacale come la Cgil e per le persone che manifestano in piazza le loro opinioni”, dice il vicesegretario Pd. Guerini pero’ mette i puntini sulle i e non rinuncia a considerare anche che “invitiamo tutti alla misura delle parole e cosi’ come noi rispettiamo e riconosciamo i processi decisionali altrui, allo stesso tempo chiediamo uguale rispetto per il percorso democratico degli organismi del nostro partito”. Dunque, “anche evocare i ‘poteri forti’ – richiama Guerini – e’ eccessivo, e in questo caso sicuramente sbagliato”. “Gli operai si ascoltano. Non si caricano. Il sindacato si rispetta. Non si insulta. Buona giornata (ch sin qui non lo e’ stata)”, dice invece Gianni Cuperlo, deputato Pd e leader di Sinistradem, riallacciando alla questione anche la carica subita dagli operai dell’Ast di Terni che manifestavano a Roma.(AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.