TwitterFacebookGoogle+

Peccato e redenzione n. 23

I pagani, nella loro peccaminosa perversione, s’erano illusi di lavare i loro peccati con il sangue di Mitra o di Eracle, cospargendoselo durante i riti sacrificali, e di sconfiggere la morte eterna mediante la discesa di questi semidei agli inferi. Follie, insensatezze, che impedivano all’uomo di vedere che la sua vita era breve, ripugnante e brutale.
Di fronte a questa generale ignominia c’era per Paolo una sola via d’uscita a rappresentare la vera salvezza per l’intero genere umano: il Cristo mistico che si era immolato sulla croce non più, come credevano i cristiano-giudei di Gerusalemme, per tornare da Risorto dal cielo e, cacciate le legioni romane, instaurare il Regno di Jahvè sulla Terra, ma per redimere l’intera umanità dal peccato e portarla nel regno dei Santi. Il termine “Cristo” perde per lui ogni riferimento all’Unto del Signore, al Messia liberatore e si trasforma in una possessione totale, in un Dio conosciuto in maniera interiore, in un Redentore celato, in un Santissimo Sacramento. Tutte le Scritture, per chi sapeva coglierne il significato interiore e le implicazioni spirituali, prevedevano da sempre, secondo lui, la venuta nel mondo del Salvatore. Questo Salvatore era il Cristo.
La fede nel Cristo mistico, che gli era stato rivelata nella sua apocalisse o epifania sulla via di Damasco, diventa l’ossessione di Paolo, la forza propulsiva che lo spinge ad un apostolato frenetico e pronto a sfidare ogni pericolo personale. A completamento della sua nuova teologia Paolo inserì anche, con l’istituzione dell’eucaristia, la teofagia, così profondamente sentita da tutto il mondo gentile, che vedeva in essa l’unione amorosa del Dio salvifico con l’uomo. Infine, volendo dare al neocristianesimo un rito iniziatico che sostituisse la circoncisione, ritenuta da Paolo un serio ostacolo per chi voleva abbracciare la fede in Cristo, sancì il rito del battesimo, già in uso tra i pagani.
Nella terza parte del presente studio, presentando una nuova ricerca storica sul Cristianesimo, in aperto contrasto col Nuovo Testamento, rivisiteremo la figura di Paolo di Tarso sotto una luce tutta nuova.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.