TwitterFacebookGoogle+

Pedopornografia: perquisizioni in 16 citta', indagati minorenni

(AGI) – Catania, 30 apr. – L’indagine e’ partita l’anno scorso su input dei genitori di una ragazza 16 anni, originaria di Siracusa, che inizialmente si erano rivolti all’associazione antipedofilia ‘Meter’ di don Fortunato Di Noto, dopo aver scoperto immagini pedopornografiche sullo smartphone della figlia. La Polizia Postale di Catania ha ricostruito le chat e i messaggi con foto inviati dalla ragazzina e ha identificato tutte le persone coinvolte, 20 in totale, tra cui 10 minori, che avevano richiesto le foto in pose intime. Sono tutti indagati per detenzione di immagini di pornografia minorile. Si e’ cosi’ conclusa un’operazione di contrasto della pornografia minorile condotta dalla Polizia di Stato e coordinata dalla Procura della Repubblica e dalla Procura per i minorenni di Catania. Numerose le perquisizioni domiciliari eseguite in varie citta’ d’Italia dalla Polizia Postale nei confronti di vari indagati, tra i quali figurano anche minori. Le citta’ interessate dalle perquisizioni sono 16: Catania, Siracusa, Ragusa, Palermo, Caltanissetta, Reggio Calabria, Potenza, Avellino, Roma, Reggio Emilia, Lucca, Milano, Torino, Cuneo, Treviso e Venezia. Nelle perquisizioni sono stati sequestrati smartphone, tablet e computer. I pirmi esami hanno confermato la presenza di immagini riferibili alla minorenne siracusana. Alcuni degli indagati avevano anche foto di altre minorenni verosimilmente adescate on-line. L’operazione e’ stata denominata ‘Sexting’ dagli investigatori. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.