TwitterFacebookGoogle+

Pensieri a caldo sulla Non Elezione di Hillary Clinton

FONTE: MOON OF ALABAMA –

E così appena sveglio ho scoperto che il mondo era cambiato. La Terza Guerra Mondiale non si farà più (1). Trump ha vinto e la Clinton lo ha ammesso. Il suo discorso da vincitore è stato giusto ed intrigante (2).

La mia previsione “no Hillary” per queste elezioni era corretta (3). E questo, come credo, è come Trump ha vinto: non tanto per aver preso dei veri e propri voti, ma per averli presi dal candidato più merdoso che i democratici avrebbero potuto mettere in campo. Ma questo non è stato un “voto dei bianchi”. Trump ha fatto meglio di Romney sia con i neri (5 punti in più) che con gli elettori latini (2 punti in più). Il razzismo non spiega questo voto. La Clinton ha promesso più guerre e quelli che avrebbero dovuto combatterle sul campo si sono rifiutati di farlo.

Le persone hanno votato contro la corruzione, contro la bellicosa propaganda internazionale, contro gli attacchi al loro modo di intendere la vita e contro la manipolazione dei potentati sionista (4) e arabo. In breve: hanno votato contro Hillary.

Anche i media hanno perso, per la loro totale e diffusa manipolazione e i loro report unilaterali contro Trump e a favore della Clinton. La gente non ha creduto a tutta quella merda di parte che ha spulciato ogni minimo problema di Trump ma che difficilmente ha raccontato qualcosa degli enormi, veramente enormi scandali e della corruzione che ha rivelato Wikileaks sui Clinton. Mettersi a spulciare i dettagli non si è rivelata un’arma vincente in una guerra di idee. La gente pretende sincerità (5) – la menzogna non viene vista come negativa, se è esposta in modo gradevole ed autentico. Ma la Clinton non è autentica, neppure quando dice la verità. I sondaggi, tranne quello della LA Times, si sono rivelati essere una sistematica manipolazione.

I leader politici in Europa se la faranno nei pantaloni. Quasi tutti, eccetto Putin, avevano pesantemente scommesso sulla Clinton. Anche i media europei si son schierati fortemente a favore della Clinton, ancor più che negli USA. I report sulle sulle reali posizioni politiche di Trump e su chi lo sostiene sono stati pari a zero. Sulla corruzione della Clinton sono stati rivelati solo frammenti di informazioni nelle pagine interne. Si crede sempre a quanto scrive il New York Times come se fosse l’essenza del pensiero americano. Ma ne siamo ben lontani.

Nessuno tranne un paio di frequentatori di partito della costa orientale e il New York Times si sono preoccupati di quella certa ragazza di 16 anni, che pensa di essere “transessuale” e vuole utilizzare il bagno pubblico dei maschi. La gente normale crede che queste stupidaggini meritino un’attenzione pari a zero se non un calcione nel culo. I movimenti a favore delle migrazioni e altri movimenti politici europei che parlano di correttezza ora cominceranno a vedersela più dura. Non potranno più combattere contro gli istinti della gente puntando sulle tranquillizzanti e false parole di un Obama o della Clinton.
Il partito democratico ha fallito nell’impresa. La consolidata corruzione dei capi di partito, che hanno buttato fuori Sanders per puntare sulla Clinton manipolando le primarie, ha bloccato la naturale evoluzione che stava vivendo la base del partito. Hanno perfino voluto Trump come candidato (6) perché hanno supposto che la Clinton potesse batterlo facilmente. Erano completamente distanti dalla vita reale.
Sono certo che l’analisi post-mortem dimostrerà che molti, molti dei potenziali elettori democratici, sono rimasti semplicemente disgustati e sono rimasti a casa o hanno votato per un terzo candidato. Ma anche la struttura del partito repubblicano non si è rivelata affatto migliore. Hanno perso i loro elettori fino al punto di negare l’appoggio a Trump e dandosi da fare per la Clinton. Tutti i neocon che erano accorsi a sostegno della Clinton ora dovranno affrettarsi a tornare da Trump. Ne avranno scarse possibilità.

Ma questa elezione ha creato anche nuovi ed enormi pericoli. La gente intorno a Trump, tra cui il suo vice-presidente, non sono persone realiste ma ideologicamente alquanto estremiste. Come non lo è affatto Trump. Che, a mio avviso, è piuttosto pragmatico. I repubblicani hanno vinto anche al Senato e alla Camera. C’è il pericolo che vengano attuate certe politiche estreme con enormi e terribili conseguenze a lungo termine. Ma ricordiamoci che anche Obama ebbe le stesse possibilità nei primi due anni della sua presidenza. Tuttavia non ne ha mai approfittato, le ha fatte evaporare. Dal punto di vista dei progressisti le fece scoppiare.

Riconquistare Camera e Senato entro due anni è un obbligo per chiunque la pensi come un qualsiasi uomo della strada.

Credo che questo risultato sia positivo per la Siria e non lo sia per il Medio Oriente jihadista e sionista. Al-Qaeda in Syria sarà triste. I suoi principali sostenitori abbandonano la scena. Probabilmente è un bene anche per l’Europa e per la Russia. È un male per l’equilibrio economico e per altri importanti problemi (7) sia per gli Stati Uniti che per altri. Ma la Clinton sarebbe stata davvero migliore in queste faccende?

Io per primo mi sento più leggero (con una piccola dose di maligna gioia). Gli elettori statunitensi hanno buttato all’aria quella scacchiera che ha portato guerra e miseria a molta gente. Non sappiamo ancora quali saranno le nuove regole del gioco, ma penso che ci siano buone probabilità che, adesso, ci sarà qualcosa di meno deva-stante per il bene di tutti.

Fonte: http://www.moonofalabama.org/

Link: http://www.moonofalabama.org/2016/11/first-thoughts-on-the-not-hillary-election-results.html

9.11.2016

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di OLDHUNTER E BOSQUIE OPRIMARIO

1. http://go.sparkpostmail1.com/f/a/0ONLqmE6NvA17rT2n8OKPw~~/AAFIvwA~/RgRaBcdAP0EIAGwQ4HdwOAFXA3NwY1gEAAAAAFkGc2hhcmVkYQNuZXdgDTU0LjI0NC40OC4xNDBCCgABQEIjWJZQJH9SGmNvbWVkb25jaGlzY2lvdHRlQHlhaG9vLml0CVEEAAAAAERmaHR0cDovL3d3dy5tb29ub2ZhbGFiYW1hLm9yZy8yMDE2LzEwL3RydW1wcy1mb3JlaWduLXBvbGljeS1pcy1zYW5lLXdoaWxlLWNsaW50b25zLWlzLWJlbGxpZ2VyZW50LS5odG1sRwJ7fRM~
2. http://go.sparkpostmail1.com/f/a/A8qN2_2CehK3J98roC3gng~~/AAFIvwA~/RgRaBcdAP0EIAGwQ4HdwOAFXA3NwY1gEAAAAAFkGc2hhcmVkYQNuZXdgDTU0LjI0NC40OC4xNDBCCgABQEIjWJZQJH9SGmNvbWVkb25jaGlzY2lvdHRlQHlhaG9vLml0CVEEAAAAAEQ1aHR0cDovL2xpdmUucmV1dGVycy5jb20vRXZlbnQvRWxlY3Rpb25fMjAxNi80Njc2MDg4MDJHAnt9Ew~~
3. http://go.sparkpostmail1.com/f/a/Y060ozUqv1fWP0LeEACuXw~~/AAFIvwA~/RgRaBcdAP0EIAGwQ4HdwOAFXA3NwY1gEAAAAAFkGc2hhcmVkYQNuZXdgDTU0LjI0NC40OC4xNDBCCgABQEIjWJZQJH9SGmNvbWVkb25jaGlzY2lvdHRlQHlhaG9vLml0CVEEAAAAAERDaHR0cDovL3d3dy5tb29ub2ZhbGFiYW1hLm9yZy8yMDE2LzA5L2FuLWluY29uc2VxdWVudGlhbC1kZWJhdGUuaHRtbEcCe30T
4. http://go.sparkpostmail1.com/f/a/k46UKsXU8KBKIX2N6gKwbQ~~/AAFIvwA~/RgRaBcdAP0EIAGwQ4HdwOAFXA3NwY1gEAAAAAFkGc2hhcmVkYQNuZXdgDTU0LjI0NC40OC4xNDBCCgABQEIjWJZQJH9SGmNvbWVkb25jaGlzY2lvdHRlQHlhaG9vLml0CVEEAAAAAERqaHR0cDovL3d3dy5tb29ub2ZhbGFiYW1hLm9yZy8yMDE2LzEwL3RvcC1maXZlLWNsaW50b24tZG9ub3JzLWFyZS1qZXdpc2gtaG93LWFudGktc2VtaXRpYy1pcy10aGlzLWZhY3QuaHRtbEcCe30T
5. http://go.sparkpostmail1.com/f/a/lqBU1kQtjelNrdUzdsGhnA~~/AAFIvwA~/RgRaBcdAP0EIAGwQ4HdwOAFXA3NwY1gEAAAAAFkGc2hhcmVkYQNuZXdgDTU0LjI0NC40OC4xNDBCCgABQEIjWJZQJH9SGmNvbWVkb25jaGlzY2lvdHRlQHlhaG9vLml0CVEEAAAAAERNaHR0cDovL3d3dy5tb29ub2ZhbGFiYW1hLm9yZy8yMDE2LzA5L2hpbGxhcnktY2xpbnRvbi1rbm93cy10aGF0LXNoZS1sb3N0Lmh0bWxHAnt9Ew~~
6. http://go.sparkpostmail1.com/f/a/89wT-m7UxOP8zLs1eJQRIQ~~/AAFIvwA~/RgRaBcdAP0EIAGwQ4HdwOAFXA3NwY1gEAAAAAFkGc2hhcmVkYQNuZXdgDTU0LjI0NC40OC4xNDBCCgABQEIjWJZQJH9SGmNvbWVkb25jaGlzY2lvdHRlQHlhaG9vLml0CVEEAAAAAEQxaHR0cHM6Ly93aWtpbGVha3Mub3JnL3BvZGVzdGEtZW1haWxzL2VtYWlsaWQvMTEyMEcCe30T
7. http://go.sparkpostmail1.com/f/a/UFOIfliYEvyG8OfCBYKxag~~/AAFIvwA~/RgRaBcdAP0EIAGwQ4HdwOAFXA3NwY1gEAAAAAFkGc2hhcmVkYQNuZXdgDTU0LjI0NC40OC4xNDBCCgABQEIjWJZQJH9SGmNvbWVkb25jaGlzY2lvdHRlQHlhaG9vLml0CVEEAAAAAERcaHR0cDovL3d3dy5tb29ub2ZhbGFiYW1hLm9yZy8yMDE2LzEwL3RoaXMtZWxlY3Rpb24tY2lyY3VzLWlzLWEtZGlzc2VydmljZS10by10aGUtcGVvcGxlLmh0bWxHAnt9Ew~~

Pensieri a caldo sulla Non Elezione di Hillary Clinton

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.