TwitterFacebookGoogle+

Pensioni: Barbagallo, Governo ci ripensi, subito flessibilita'

(AGI) – Roma, 12 set. – “Non c’e’ piu’ grande ingiustizia di parti eguali tra diseguali, ma il Governo sembra non considerare questo provato principio. E cosi’, mentre viene confermata l’intenzione di ridurre la Tasi sulla prima casa a tutti indistintamente, ai proprietari di ville come a quelli di case popolari, contemporaneamente viene stabilito che di flessibilita’ verso il pensionamento se ne parlera’ solo nel 2018”. Lo dichiara in una nota il segretario generale della Uil Carmelo Barbagallo, sottolineando che “in questo modo, non si tiene piu’ conto di un concetto elementare: non tutti i lavori sono uguali e non tutti possono andare in pensione alla stessa eta’”. La Uil auspica “che il Governo, che pure aveva ripetutamente manifestato questo stesso intendimento, ritorni sui propri passi e consenta ai lavoratori di poter accedere alla pensione in una fascia di eta’ tra i 62 e i 67 anni, volontariamente e senza ulteriori penalizzazioni”. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.