TwitterFacebookGoogle+

Perchè all'Europa conviene avere i migranti

Roma – “L’Europa deve gestire il flusso di migranti – analizza Di Giacomo – anche perche’ le conviene economicamente, senza considerare le ragioni umanitarie. Nel 2040-2050, al netto dei migranti, la popolazione europea in eta’ lavorativa sara’ solo il 23%. I pericoli per quanto riguarda il sistema pensionistico sono evidenti“. Per una minima gestione dei flussi l’Oim ha creato un centro in Niger. “Li’ spieghiamo i pericoli della traversata nel deserto del Sahara e nel Mediterraneo – dice Di Giacomo – noi offriamo un po’ di lavoro a salari che in Europa verrebbero giudicati irrisori. Molti migranti senegalesi rinunciano alla traversata, soddisfatti di poter tornare a casa con qualche soldo”.

I desideri dei migranti variano a seconda delle nazionalita’. “Siriani ed eritrei puntano al nord Europa e preferiscono non fermarsi in Italia – sottolinea Di Giacomo – molti egiziani restano”. Di Giacomo ha dubbi sulle trattative in corso tra Ue e Turchia sui migranti. “La Turchia non ha firmato tutti i trattati internazionali vigenti in Europa – dice Di Giacomo – ad esempio i turchi non considerano rifugiati i cittadini extra Ue“.

L’Egitto e’ il Paese dal quale proviene il maggior numero di minori non accompagnati: 1.709 solo nel 2015. “Spesso i media si soffermano sul tema dei minori – commenta Di Giacomo – ma un migrante di 5 anni puo’ avere un futuro. Perche’ nessuno mette a fuoco il dramma di anziani, che hanno lasciato tutto in Siria e si trovano a piu’ di 60 anni in un Paese straniero senza piu’ nulla su cui contare? Si pensi a una nonna italiana nelle stesse condizioni”.

I siriani tendono a spostarsi in nuclei familiari: c’e’ stato anche il caso di una famiglia migrante di 17 persone, dai nonni ai nipotini neonati. Sui rimpatri forzati l’Oim e’ scettica: “Il piu’ delle volte non funzionano – dice Di Giacomo – perche’ mancano gli accordi bilaterali. Il tutto si risolve con un decreto di espulsione inapplicato. Il migrante irregolare rimane ed e’ facile preda del lavoro sommerso”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.