TwitterFacebookGoogle+

Perché i parlamentari neri indossavano una stola colorata mentre parlava Trump?

Durante il primo discorso sullo stato dell’Unione di Trump, alcuni parlamentari afroamericani, sopra ai loro abiti scuri, hanno indossato una striscia di tessuto colorato, simile alla stola dei religiosi. Si tratta del tessuto tipico del Ghana, il kente, che viene realizzato in lunghe strisce poi cucite insieme a formare rettangoli di stoffa che normalmente avvolgono i capi villaggio e le figure più rappresentative della popolazione.

Ed è stato utilizzato al Congresso per inscenare una protesta silenziosa contro i commenti sulle “shithole countries” attribuiti al presidente dalla stampa. Durante una riunione a porte chiuse, Trump avrebbe definito Haiti, El Salvador e le nazioni africane come “paesi cesso” i cui abitanti non sarebbero immigrati desiderabili.

Sebbene il presidente abbia negato di aver fatto tali osservazioni, affermando di aver “usato solo un linguaggio duro”, la vicenda è diventata un caso internazionale, anche per via delle smentite un po’ maldestre di chi partecipò al vertice incriminato.

A indossare le strisce colorate, che hanno avuto un notevole effetto ottico, sono stati i membri del Congressional Black Caucus (CBC), che si sono seduti tutti vicini nella sala per presentare, hanno affermato, ”una forza ampia e unificata visivamente”. 

Il rappresentante democratico Al Green del Texas, che ha parlato con il Daily Mail, ha dichiarato: “Sto indossando il kente come messaggio per mostrare la mia solidarietà con il continente africano e specialmente con quei paesi che il presidente ha svilito, diffamato, indicando che erano s-hole. Lo indosso per mostrare solidarietà e per far sapere al presidente che disapprovo le sue dichiarazioni e il suo comportamento “.

Bobby Scott, rappresentante in Parlamento per lo stato del Virginia, ha invece twittato una sua foto con una cravatta che richiama i motivi del kente in solidarietà “con la gente dei paesi che sapete”

Wearing kente cloth to the #SOTU with my fellow @OfficialCBC Members to stand in solidarity with people from you-know-what countries pic.twitter.com/Wc8FIcUKIG

— Rep. Bobby Scott (@BobbyScott) 31 gennaio 2018

L’uso del kente come protesta visiva e segno di identificazione e unità con l’Africa non nasce con questa ultima protesta, ma ha una lunga storia e, anche se il tessuto proviene dal Ghana, non rappresenta solo un paese, ma l’Africa intera e la diaspora nera.

I gruppi etnici Asante e Ewe in Ghana intrecciano a mano questi tessuti di seta e cotone in modelli e forme diverse e fortemente simboliche da diversi secoli. Una volta designati solo per i capi e i re, oggi i ghanesi indossano il kente per matrimoni e altre occasioni molto speciali.

Da Muhammad Alì a Michael Jackson

Il Kente divenne molto popolare tra i neri americani negli anni ’60 quando il movimento per l’indipendenza in Africa coincise con i diritti civili e il movimento del potere nero in America, promuovendo un incrocio di ideologie, culture, cibo, vestiti, musica e, naturalmente, persone. Inoltre il Ghana, da cui il kente proviene, fu il primo paese africano a ottenere l’indipendenza.

Quando il Ghana la celebrò nel 1957, Kwame Nkrumah, primo presidente del paese, indossò il tessuto in presenza di amici e attivisti dei diritti civili come Martin Luther King e altri dignitari e leader stranieri e statunitensi. Addirittura Nkrumah indossò il kente alla Casa Bianca nel 1958 quando incontrò il presidente degli Stati Uniti Eisenhower. 

Innumerevoli dignitari, sia africani che afroamericani, hanno indossato e continuano a indossare il tessuto come simbolo di solidarietà e unità. Nel 1964, Nkrumah presentò il campione di boxe Muhammad Ali con il kente mentre era in Ghana, per la prima tappa del suo tour Panafricano. Il re Ashanti del Ghana, Otumfuo Osei Tutu II, ha onorato il defunto presidente sudafricano, Nelson Mandela, indossando ricchi tessuti e sandali kente e anche Michael Jackson, il re del pop, indossava il kente quando fu incoronato re ad honorem in una cerimonia tenuta nel villaggio di Krindjabo in Costa d’Avorio. 

Tutti gli anni nella Regione del Volta in Ghana si svolge un grandissimo Kente Festival dove è possibile vedere tutte le innumerevoli combinazioni di forme e colori di questo iconico e unico tessuto africano.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.