TwitterFacebookGoogle+

Perché il folle della strage a Fort Lauderdale poteva viaggiare con una pistola

Washington – Strage nell’aeroporto di Fort Lauderdale, in Florida, dove un uomo ha ucciso cinque persone a colpi di pistola prima di lasciarsi catturare. Esteban Santiago ha aperto il fuoco sulle persone con cui aveva viaggiato dall’Alaska alla Florida e con cui aveva avuto una lite durante il volo.

La sparatoria, il panico e l’arresto. Guarda il video

Ecco quello che si sa di quanto accaduto nello scalo

  • Esteban Santiago è nato in New Jersey, ma a 2 anni si èp trasferito a Porto Rico.
  • Ha servito in Iraq nelle fila della guardia nazionale portoricana
  • Ad agosto 2016 è stato espulso dall’esercitio per risultati insoddisfacenti
  • Santiago era stato ricoverato in un centro per malati di mente dopo essere andato all’Fbi facendo affermazioni deliranti sull’Isis
  • Le vittime sono 13: cinque morti e 8 feriti
  • Santiago non ha avuto complici
  • La pistola usata si trovava nel bagaglio che Santiago portava con sè dall’Alaska ed era stata regolarmente denunciata
  • Un paio di mesi fa Santiago ha avuto “contatti” con l’Fbi ad Anchorage, in Alaska.
  • Il volo dall’Alaska a Fort Lauderdale era operato da una compagnia canadese
  • La sparatoria è avvenuta nell’area recupero bagagli del Terminal 2

Queste le fasi della strage

  1. Santiago parte dell’Alaska alla volta di Fort Lauderdale

  2. In volo litiga con alcuni passeggeri

  3. Una volta in Florida recupera la propria valigia dal nastro bagagli e va in bagno
  4. Prende la pistola dal bagaglio
  5. Torna nell’area consegna bagagli e comincia a sparare
  6. Si siede, allontana da sè la pistola e aspetta che lo arrestino

Come mai ha potuto portare una pistola con sè

Il volo Air Canada decollato da Anchorage in Alaska e atterrato a Fort LauderdaLle in Florida sopo aver fatto scalo a Minneapolis era originato negli Usa e quindi si applicavano le regole statunitensi che consentono di trasportare armi cariche nel bagaglio di stiva. La Tsa (Transporty Security Administration),l’agenzia per la sicurezza negli aeroporti e in volo, prevede che l’arma dichiarata nel bagaglio da stiva sia scarica e alloggiata in un contenitore rigido all’interno della valigia. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.