TwitterFacebookGoogle+

Perché nelle carceri americane è illegale masturbarsi

Alcuni detenuti vengono mandati in isolamento per mesi solo per aver cercato un po’ di sollievo.
Kristen Dold –
mag 2 2018 –

Nove mesi nel limbo. Niente libri—tranne la Bibbia—e poche ore d’aria. È il purgatorio che sta attraversando Josh Richards*, 29 anni (dietro le sbarre per una sparatoria compiuta quando aveva 18 anni). Richards dice che è la punizione per essere stato scoperto mentre si masturbava nella sua cella, per la prima volta, sostiene, in 12 anni di reclusione. Una guardia, donna, l’ha visto durante un controllo notturno. L’ha ammonito—ma nulla di più. Ma qualche tempo dopo, quando un altro carcerato è stato beccato a masturbarsi, la colpa è stata data a Richards, che è stato spedito in isolamento per nove mesi. “Mi mancano due anni da scontare—non voglio guai—e ora sono nel vortice, e sulla mia fedina c’è anche questo.”

La masturbazione in pubblico (e quasi tutto succede in pubblico quando sei in carcere), così come qualunque altro atto sessuale, è vietata nelle carceri americane—cosa abbastanza sorprendente per chi pensasse che sia una delle poche libertà rimaste ai carcerati. Secondo Justin Long, portavoce del Federal Bureau of Prisons, la funzione di questa regola è di assicurare la sicurezza di detenuti e staff, dato che la masturbazione può essere un atto intimidatorio, offensivo, o può preludere a un’aggressione di tipo sessuale o a una rissa.

La punizione per chi si fa scoprire a masturbarsi varia. A seconda del carcere, della guardia e probabilmente del suo umore, ad alcuni detenuti viene fatta pagare una multa da cinque dollari o viene interdetto l’accesso alla mensa, mentre altri vengono immobilizzati con lo spray al peperoncino o messi in isolamento (dove possono godere di più privacy di quanta ne desiderassero). Il gangster Whitey Bulger, 87enne, è stato messo in isolamento per 30 giorni quest’anno dopo che un secondino della prigione della Florida in cui è recluso ha dichiarato di averlo scoperto mentre si masturbava, solo, alle tre del mattino nella sua cella. (Bulger sostiene che la sua vita sessuale sia finita—voleva solo mettere del borotalco su un’irritazione genitale.) E in casi estremi—di solito quando si masturbano intenzionalmente davanti a un membro dello staff—i detenuti possono essere portati davanti alla corte. (Quasi tutti i casi di questo tipo hanno riguardato detenuti maschi.) L’anno scorso, quando il detenuto Eric McCurtain si è masturbato di fronte a una guardia donna, il giudice ha aggiunto 30 giorni da scontare alla sua pena.

Il divieto di masturbarsi non è una novità, ma ha conseguenze dure per uomini come Richards e Bulger, dice lo psicologo sociale Sam Hughes, dottorando alla University of California Santa Cruz e autore del saggio Release Within Confinement: An Alternative Proposal for Managing Male Inmate Masturbation in US Prisons. In parte la colpa è del sovraffollamento delle carceri: “In molti di questi posti non esistono spazi privati—i carcerati vivono in quelli che sembrano magazzini con file e file di letti a castello; a volte i bagni non hanno pareti divisorie, quindi per forza ogni attività masturbatoria avviene di fronte agli altri.” Le prigioni della California sono diventate così sovraffollate negli ultimi anni che la Corte Suprema ha stabilito che violano l’Ottavo emendamento, che vieta punizioni crudeli.

Hughes sostiene anche che i carcerati stiano ancora scontando i residui di programmi di impronta cristiana come InnerChange Freedom dell’amministrazione Bush, dichiarata anticostituzionale poi nel 2006. Secondo quel programma la masturbazione, l’omosessualità e il sesso prematrimoniale—per non parlare di Dungeons & Dragons—erano peccati. “Era questo il messaggio che arrivava a prigionieri e guardie, ed è parte del motivo per cui questa ideologia sulla masturbazione si è radicata,” dice Hughes.

Ma c’è un’altra ragione per questo divieto, ed è il crescente numero di guardie donne. Attratte dallo stipendio e dai benefit dell’impiego, sempre più donne entrano infatti nell’ambito carcerario. (Secondo le ultime statistiche il numero delle donne che lavorano nelle carceri sarebbe salito dal 40 percento dal 1999 al 2007.) E negli ultimi anni alcune hanno cominciato a denunciare le prigioni che non fanno rispettare il divieto di masturbazione e non le proteggono, così, da un ambiente lavorativo ostile. “Molti detenuti non hanno controllo—se passa una guardia donna si abbassano subito i pantaloni e cominciano a masturbarsi,” dice Brian Baker*, secondino californiano. Per evitare costosi processi, alcuni direttori di carceri hanno messo al bando la masturbazione in toto, sia che abbia sia che non abbia un’intenzione aggressiva.

Ci sono ragioni legittime per imporre restrizioni sulla masturbazione? Sì, senza dubbio. Ma gli attivisti sostengono giustamente che uomini come Richards—che vogliono solo alleviare lo stress nel buio della notte—devono poter avere accesso alla soddisfazione di questo impulso. “Dobbiamo pensare alla dignità delle persone in carcere e ai loro bisogni sessuali,” dice Brenda Smith, professoressa di giurisprudenza alla American University e direttrice di The Project on Addressing Prison Rape. “In altri paesi e altre giurisdizioni non è un problema, ai detenuti è permesso di darsi sollievo. Questo divieto è un riflesso di noi americani e delle nostre inclinazioni puritane.” (Ricordatevi la Bibbia lasciata a Richards.)

Inoltre, Hughes sostiene che la masturbazione—rilassante e antistress—potrebbe aiutare a minimizzare problemi come la prostituzione, la trasmissione di MST e lo stupro nelle carceri. Potrebbe anche proteggere tutti noi: “Pensate ai sex offender in carcere. Se sono costretti a non masturbarsi, quale sarà la prima cosa che faranno quando usciranno?”

Trovare una soluzione al problema non sarà facile. Imporre delle regole (per esempio che devi essere a letto, con le luci spente e sotto le coperte) potrebbe creare una situazione in cui è la parola di uno contro la parola dell’altro, e stabilire degli spazi appositi in cui masturbarsi, come stanze per le visite coniugali, come suggerisce Hughes, non sarà probabilmente possibile finché non si risolverà il problema del sovraffollamento. Ma se il fine è restituire uomini come Richards alla società, è bene accertarsi che non li rendiamo disumani in un processo che dovrebbe essere rieducativo.

*I nomi sono stati cambiati.

Questo articolo è comparso originariamente su Tonic.

https://www.vice.com/it/article/ypvk7g/perche-nelle-carceri-americane-e-illegale-masturbarsi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.