TwitterFacebookGoogle+

Perché odio mio zio Adolf Hitler: venduto il celebre articolo scritto dal nipote

Per chi ama la Storia è sicuramente tra gli articoli più interessanti del secolo scorso. “Why I hate my uncle” (tradotto in “Perché odio mio zio”) venne pubblicato il 4 luglio del 1939in sei pagine come ricorda il Mirror – sulla rivista statunitense “Look“, fondata da Gardner “Mike” Cowles junior con il fratello John (vi collaborò anche Stanley Kubrick). A scriverlo fu William Patrick Hitler (nato nel 1911 in Inghilterra, a Liverpool), il figlio di Alois jr., fratellastro del Führer. William fu costretto a fuggire negli Stati Uniti dopo aver tentato di ricattare il leader nazista, minacciandolo di rivelare ai giornali informazioni private e aneddoti della sua vita. Un esempio? Il modo in cui Hitler usava la frusta, o ancora come amasse “intrattenersi con le belle donne”. Come spiega il Guardian, l’articolo è tornato oggi a far parlare di sé dopo essere stato venduto per oltre 700 sterline (circa 885,59 euro). La prima traccia di queste testimonianze, raccolte in un diario, era riaffiorata nel 2014 negli Usa. In quell’occasione si scrisse degli eredi del Führer:

«Si vergognano delle loro radici, hanno cambiato nome e paese».

William Patrick HitlerCosa successe a William? A 19 anni, Willy – come lo chiamava il padre – approdò in Germania per sostenere il partito nazionalsocialista, ma sua madre raccontò: «Non c’è molta intesa con Adolf».  E fu lui stesso a scrivere il 5 gennaio 1935: «Non è colpa mia se sono ancora in questo luogo spaventoso». Aggiungendo, dieci giorni dopo: «Ho ricevuto una lettera da mamma. Sono disperato, non vedo via d’uscita». Nel 1939 espatriò per raggiungere gli Usa dove combattè per la Marina. Cambiando anche il suo nome in Stuart Houston, nel 1946. Il suo non era certo semplice da portare. Da una donna tedesca ebbe quattro figli: Alex, Louis e Brian, 48; l’ultimo Howard, morì a 32 anni. Il padre di William, Alois, si era sposato con l’irlandese Brigid Dowling e con lei si era trasferito a Liverpool. Pochi anni dopo aveva lasciato la moglie e il figlio ed era tornato in Germania, dove si era risposato (qui si trova tutto l’albero genealogico). Si era rifatto vivo solo negli anni Venti, quando la nascita della Repubblica di Weimer l’aveva spinto a chiedere al figlio di andare a far carriera in Germania. Nel 1933, a 23 anni, William si era trasferito dal padre e aveva conosciuto Hitler. Sperando, inutilmente, che lo zio l’aiutasse. Il Führer l’aveva immediatamente preso in antipatia: Willy era definito da Hitler «il mio odioso nipote» e solo in seguito alle pressioni di Alois l’uomo più potente della nuova Germania lo aveva inserito prima in una banca, poi alla Opel e infine aveva cercato di disfarsene. William morì a New York nel 1987 (aveva capito che per trovare lavoro in Germania avrebbe dovuto prendere la cittadinanza tedesca, e si rifiutò).

Come “ricattare” lo zio Hitler? L’articolo è stato scritto due mesi prima dell’inizio della Seconda Guerra mondiale, quando William già viveva negli Usa con la madre, e racconta alcuni dettagli che soltanto un parente stretto di Hitler avrebbe potuto conoscere. Si parla ad esempio di una visita nella casa del Führer, nel 1936.
“Stava prendendo del tè in compagnia di belle donne. Quando ci vide si alzò e, con un colpo di frusta, colpì dei fiori. Colse l’occasione per avvertirmi di non dire mai di essere suo nipote, poi tornò dai suoi ospiti fendendo l’aria con la frusta… Avevamo torte e panna montata, il suo dessert preferito. Sono rimasto colpito dalla sua profondità, dai suoi gesti femminili. C’era della forfora sul suo cappotto”.
“We had cakes and whipped cream, Hitler’s favourite dessert. I was struck by his intensity, his feminine gestures. There was dandruff on his coat.”

William-Patrick-Hitler1Negli anni si disse che, visto l’odio che lo zio provava per lui, William avrebbe cercarlo di minacciarlo, raccontando alla stampa che il nonno paterno di Hitler era in realtà un mercante ebreo. E che, quindi, lo stesso Führer avesse sangue ebreo. I suoi articoli non andavano a genio a Hitler che arrivò a convocarlo a Berlino, accompagnato dalla zia e dal padre.

“Era furioso. Mi ha fatto promettere di ritirare i miei articoli, minacciando di uccidersi se fossero trapelati altri dettagli della sua vita privata”, racconta.

William descrive poi una visita a Berlino, quando la famiglia stava affondando un brutto periodo a seguito della morte della nipote di Adolf.

Geli Raubal, figlia della sorella di Hitler e di mio padre, si era suicidata. Tutti sapevano che aveva avuto una relazione con Hitler e che aspettava un figlio da lui. Questo infastidiva molto mio zio. La sua revolver è stata trovata vicino il corpo della nipote”.

 

“When I visited Berlin in 1931, the family was in trouble. Geli Raubal, the daughter of Hitler’s and my father’s sister, had committed suicide. Everyone knew that she and Hitler had long been intimate and that she had been expecting a child – a fact which enraged Hitler. His revolver was found by her body.”

Perché odio mio zio Adolf Hitler: venduto il celebre articolo scritto dal nipote

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.