TwitterFacebookGoogle+

Persone scomparse: un terzo sono donne, due su tre stranieri

(AGI) – Roma, 24 ott. – Delle 29.763 persone scomparse in Italia dal ’74 e ancora da rintracciare al 30 giugno scorso, 9.300 sono donne e 20.463 uomini; 9.816 gli italiani e 19.947 gli stranieri. Sono alcuni dei dati illustrati dal commissario straordinario del governo per le persone scomparse, Vittorio Piscitelli, nel corso di un convegno internazionale sul tema. Tra i “missing” del periodo in questione figurano 15.358 minori, 1.954 italiani e 13.404 stranieri. Le regioni nelle quali il fenomeno e’ piu’ rilevante sono il Lazio (6.766), la Sicilia (3.900), la Lombardia (3.680), la Campania (3.146) e la Puglia (2.475). In termini assoluti, dal 2007 – anno di istituzione dell’ufficio del commissario – l’allontanamento volontario e’ stata la causa piu’ frequente di scomparsa (40.93% dei casi) davanti all’allontanamento da istituti per minori (30,04%) e a possibili disturbi psicologici (21%). “E’ un fenomeno drammatico – ha sottolineato Piscitelli – che non riguarda solo l’Italia ma molti Paesi europei e che negli ultimi due anni ha fatto registrare un forte incremento. E’ una sfida che tutti siamo chiamati a raccogliere anche perche’, problema nel problema, meta’ degli scomparsi sono minori stranieri, spesso solo di passaggio da noi, e anche per questo esposti ai rischi peggiori”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.