TwitterFacebookGoogle+

Polonia smantellera' oltre 200 monumenti all'Armata Rossa

(AGI) – Varsavia, 28 giu. – La Polonia smantellera’ 229 monumenti celebrativi dell’Armata Rossa, che richiamano la egemonia sovietica nel Paese durante l’epoca del comunismo. I monumenti non saranno distrutti, ma trasferiti in un parco che sara’ loro dedicato. “Non ci sono motivi per cui i monumenti alla memoria dell’Armata Rossa, che per due volte ha invaso il Paese (nel 1920 durante la guerra polacco-bolscevica e nel 1939 di concerto con la Germania),e che e’ responsabile di numerosi crimini dopo la guerra, siano glorificati” ha dichiarato Pawel Ukielski, presidente aggiunto dell’Ipn, Istituto polacco della memoria nazionale.
Il progetto rientra nella nuova politica del Pis, partito conservatore che ha assunto il potere l’anno scorso e intende eliminare tutte le tracce del comunismo. “Non si tratta di monumenti eretti nei cimiteri. Le tombe dei soldati sovietici caduti in guerra continueranno a essere protette dallo Stato polacco con il piu’ grande rispetto” ha aggiunto Ukielski.
I monumenti smantellati troveranno nuova collocazione nel nord ovest del Paese a Borne Sulinowo dove le truppe sovietiche stazionarono per circa mezzo secolo.
L’anno scorso, desto’ l’ira di Mosca lo smantellamento di una placca commemorativa del generale russo Ivan Chernyakhovsky a Pieniezno, localita’ polacca dove il comandante fu ucciso nei combattimenti del febbraio ’45. (AGI)
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.