TwitterFacebookGoogle+

Polonia: Walesa, ho fatto un "errore" ma non ero una spia

(AGI) – Varsavia, 19 feb. – Prima parziale ammissione di Lech Walesa che, travolto dalle accuse, ha sostenuto di aver “fatto un errore” ma di non essere stato una spia del regime comunista polacco. Accusato dall’Istituto della memoria nazionale di aver collaborato negli anni ’70 con i servizi segreti comunisti, il Premio Nobel per la Pace non ha voluto rivelare di che errore si tratti ma ha rimandato a una persona misteriosa che “dovrebbe dire la verita’”. “Non ho cooperato con la polizia segreta, non ho mai preso soldi, e non ho mai fatto la spia su alcuno ne’ a voce ne’ per scritto”, ha sostenuto lo storico leader del sindacato Solidarnosc. Tuttavia, ha aggiunto, “ho fatto un errore ma non questo (la collaborazione con i servizi segreti ndr.)”. “Ho promesso di non rivelarlo, certamente non ancora, non adesso”, ma “c’e’ una persona – un responsabile, che e’ ancora vivo che dovrebbe rivelare la verita’ e io ci conto”.
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.