TwitterFacebookGoogle+

Povera Sardegna, mai così senz'acqua da 20 anni

In Sardegna continua a non piovere. Una crisi idrica che sta già avendo un duro impatto sull’agricoltura e crea preoccupazione alla vigilia della stagione estiva, quando l’afflusso di turisti aumenta il fabbisogno di acqua. Nell’area della Nurra, nel Nord Ovest dell’isola, è la primavera più secca degli ultimi vent’anni. I principali corsi d’acqua contengono un terzo dei volumi normali. I livelli d’acqua del Temo sono così bassi che dall’alveo del bacino è riemerso un sito archeologico un tempo sommerso

“Il fenomeno della siccità in Sardegna è un fenomeno ciclico”, afferma il direttore della Coldiretti Sassari e Gallura, Ermanno Mazzetti, “che non risparmia nessun distretto consortile. Quest’anno l’assenza di precipitazioni si è concentrata sulla Nurra e le riserve d’acqua dei tre bacini più importanti sono in continua diminuzione. Per trovare dei dati peggiori a quelli attuali bisogna tornare al triennio 1998/1999/2000 quando i volumi oscillavano tra i 28 e i 17 milioni di metri cubi”.

La produzione agricola in calo del 40%

A pagare le conseguenze di un’annata così siccitosa sono soprattutto i contadini che da gennaio lottano contro i terreni secchi. Cereali, carciofi, mais ed erba medica sono le colture maggiormente a rischio e gli allevatori faticano a dare da mangiare agli animali. In queste condizioni è difficile anche programmare la produzione estiva. Le risorse idriche sono talmente poche che si rischia di mettere a dimora delle colture che nel periodo estivo potrebbero non avere acqua a sufficienza con perdite economiche insostenibili. Attualmente, aggiunge Coldiretti, la produzione è inferiore del 40% rispetto all’anno passato.

Allerta anche per i bacini artificiali

“Stiamo vivendo un’annata disastrosa caratterizzata da fenomeni climatici opposti”, aggiunge il presidente della Coldiretti Sassari, Battista Cualbu, “nel periodo invernale ci sono state pochissime precipitazioni e le nevicate che hanno permesso agli altri bacini di rigenerarsi non hanno interessato la Nurra mentre in primavera le gelate notturne hanno generato escursioni termiche di oltre venti gradi che hanno bruciato le colture. La siccità sta soffocando sia la produzione agricola sia il comparto zootecnico: oltre al calo nella produzione del latte gli allevatori fanno fatica a trovare il foraggio per il bestiame”.

La situazione peggiore si registra però a Sud Ovest, ovvero nel Sulcis Iglesiente dove, scrive l’Unione Sarda, gli indicatori di stato oscillano tra l’allerta e l’emergenza. Qui il volume invasato non va oltre il 45,62%, ancora peggio del 68,55% del Nord Ovest. E, avverte il quotidiano regionale, va progressivamente assottigliandosi anche l’approvvigionamento idrico nei bacini artificiali.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.