TwitterFacebookGoogle+

Pressing dei vertici Ue su Cameron

Bruxelles – Il premier Gb, David Cameron, torna a Bruxelles e oggi, al Consiglio Ue, sarà di fronte agli altri 27 leader , per la prima volta dopo il referendum sulla Brexit. Stamane il Parlamento europeo ha approvato la mozione che chiede l’avvio delle procedure di uscita del Regno Unito dall’Ue. I leader europei non vogliono perdere tempo ed esortano Londra ad adottare le procedure in fretta per non paralizzare un’Unione il cui futuro e’ in gioco. Il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker, ha esortato Londra a chiarire “il prima possibile” le sue intenzioni e ha aggiunto che nessuno, a Bruxelles, negozierà nulla con il Regno Unito finché Londra non avrà notificato formalmente la decisione di uscire. Da Berlino, gli ha fatto eco il cancelliere Angela Merkel, assicurando in primis che l’Ue e’ abbastanza forte per sopravvivere all’uscita della Gran Bretagna. Merkel ha avvertito il Regno Unito che non potrà scegliere di mantenere i privilegi, facendo a meno di tutti gli obblighi: “Faremo in modo che i negoziati non si sviluppino sul principio della ‘scelta del menu’. Chi esce da una famiglia non puo’ sperare che tutti gli obblighi spariscano e si mantengono solo i privilegi”. E ha spiegato che il Regno Unito non potrà conservare l’accesso al mercato unico dell’Ue, se nega la libera circolazione dei cittadini comunitari nel suo territorio. “Nessun privilegio senza doveri“, ha detto il cancelliere, aggiungendo che “deve esserci una differenza sensibile” tra essere o meno membro dell’Ue.

Farage, Gb non sarà ultimo paese a lasciare l’Ue

 “Non ci sono mezzi Stati membri. O si sta nell’Unione o non si sta nell’Unione”, ha avvertito l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Ue, Federica Mogherini, a proposito della decisione del Regno Unito. “Avremmo preferito che restasse, ma i cittadini si sono espressi e ora spetta alle autorita’ britanniche tradurre in pratica questa decisione, tenendo conto dei loro cittadini presenti negli altri Paesi dell’Ue”, ha aggiunto al suo arrivo al summit. Per Mogherini adesso si tratta di “fare le cose in modo ordinato”. Questo significa che “prima si esce e poi si negoziano nuove relazioni con ventisette Paesi da una parte e un altro Paese dall’altra”. Bisogna evitare che la Brexit produca effetti contagio per il resto dell’Ue. “A chi sostiene che questo e’ un momento difficile per l’Europa dico che e’ vero, ma dico anche che e’ un momento difficile per il Regno Unito, e dobbiamo evitare che questo caos si estenda ad altri Paesi”.

Per il premier Matteo Renzi, e’ indubbio che la Brexit “e’ stato uno shock” ma ora “e’ tempo di una nuova speranza”, siamo “aperti ad una nuova stagione per l’Europa”. E anche il premier, pur ribadendo il rispetto per la decisione del popolo britannico, ha detto che “non ci possiamo permettere una prolungata incertezza, perche’ le istituzioni, i mercati, non possono aspettare”. Molto accesa intanto la seduta plenaria a Bruxelles. Soprattutto il leader il leader euroscettico, Nigel Farage, e’ stato fischiato e contestato, quando ha detto che non si dimitterà e ha previsto che “il Regno Unito non sarà l’ultimo Paese a lasciare l’Ue”. E mentre a Londra prendono forza i nomi di Theresa May e Boris Johnson come probabili candidati a succedere a David Cameron alla guida dei Tory, il leader laburista, Jeremy Corbyn, si sottopone nel pomeriggio a un voto di fiducia dei suoi deputati, dopo le dimissioni di una trentina di membri della sua equipe. Intanto e’ stato cancellata la grande manifestazione a favore dell’Europa prevista per oggi a Trafalgar Square (50mila persone previste sono troppe per la capienza dello spazio). E in un clima da ‘si salvi chi puo’, oltre 60 cittadini britannici hanno chiesto ai consolati italiani di Londra ed Edimburgo come ottenere il prima possibile la cittadinanza italiana. 

 

 (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.