TwitterFacebookGoogle+

Primo spot per l’8 per mille statale: finalmente una buona notizia

«La decisione del Ministero dei Beni e delle Attività culturali di lanciare il primo spot che invita i contribuenti a destinare l’8 per mille allo Stato è un segnale positivo, che aspettavamo da tempo. Non possiamo che esserne contenti».

Il segretario dell’Uaar, Stefano Incani, commenta così il lancio, avvenuto il 6 giugno, della campagna pubblicitaria per l’8 per mille statale, la prima dall’introduzione del meccanismo di finanziamento.

«Il terremoto del Centro Italia ha ferito gravemente centri storici, musei, chiese, abbazie, di un’area che è stata culla della civiltà europea», recita lo spot: «Destinando il tuo 8 per mille allo Stato contribuirai al recupero dei beni culturali distrutti e danneggiati dal sisma. Perché la via della rinascita passa per la cultura. Dona l’8 per mille allo Stato. Per la ricostruzione».

«’Dona l’8 per mille allo Stato’. Era da tempo che aspettavamo di sentire questo semplice slogan e numerose sono state le nostre sollecitazioni in tal senso», prosegue Incani: «L’Uaar infatti propugna l’abrogazione totale del meccanismo ma in attesa che ciò si concretizzi ci sembra il minimo che lo Stato partecipi alla ripartizione come competitor alla pari».

«Quello del governo — dice ancora Incani — è peraltro un atto dovuto: la Corte dei Conti è infatti intervenuta per ben tre volte negli ultimi due anni per mettere in rilievo gli elementi di debolezza della normativa e ha sottolineato a più riprese come lo Stato abbia spiccato per l’assenza di iniziative promozionali circa le proprie attività: cosa che ha compromesso la possibilità di ottenere maggiori introiti. La speranza è dunque che questi spot abbiano un’ampia diffusione che possa tenere il passo con il battage mediatico della Chiesa cattolica».

«Certo — conclude Incani — a nostro avviso la cosa migliore sarebbe stata quella di destinare le risorse dell’8 per mille statale alla ricostruzione delle zone dell’Italia centrale colpite dal sisma con priorità assoluta per case e scuole, e proprio su questo verteva il nostro appello di marzo al premier Gentiloni, e invece probabilmente le prime a tornare in piedi saranno proprio le chiese…».

Comunicato stampa

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.