TwitterFacebookGoogle+

Proactiva Open Arms ha denunciato l'Italia e la Libia

L’ong spagnola Proactiva Open Arms denuncia per omissione di soccorso e omicidio colposo Libia e Italia, ma il Viminale reagisce accusando di “strumentalizzare una vittima con fini politici”.

Dopo tre giorni di navigazione, le due navi della Ong sono entrate ieri mattina nel porto di Maiorca e subito dopo l’equipaggio, guidato da Oscar Camps, si è recato in commissariato per denunciare il capitano del mercantile che avrebbe speronato l’imbarcazione su cui viaggiavano un gruppo di migranti, e la Guardia costiera libica per omicidio colposo e omissione di soccorso.

Il naufragio è quello di martedì: un’imbarcazione andata a fondo con circa 150 persone a bordo, dinanzi alle coste libiche, un naufragio del quale Open Arms attribuisce la responsabilità al mercantile con bandiera panamense Triades, che lo avrebbe abbandonato prima dell’arrivo dei soccorsi. 

Il Viminale replica: “I porti italiani erano aperti”

“Non meritano risposta le Ong che insinuano, scappano, minacciano denunce ma non svelano con trasparenza finanziatori e attività”, hanno replicato dal Viminale. “La denuncia di Josefa​? Qualcuno strumentalizza una vittima per fini politici. Noi denunceremo chi, con bugie e falsità, mette in dubbio l’immensa opera di salvataggio e accoglienza svolta dall’Italia”.

Il governo italiano aggiunge anche che l’Ong spagnola ha rifiutato di dirigersi verso l’Italia: “Se ha preferito rifiutare l’approdo in Italia per scappare altrove, è un problema suo. I porti siciliani erano aperti anche per accogliere i cadaveri a bordo, e per questo alla Ong era stata esclusa l’opzione Lampedusa: l’isola è infatti sprovvista di celle frigorifere per i corpi”. 

Camps, il fondatore di Proactiva Open Arms, è andato in tribunale poco dopo l’attracco al porto di Palma per testimoniare davanti al giudice, Manuel Penalva, e al pubblico ministero, Ladislao Roig: “Speriamo che sia aperta un’indagine e il caso arrivi al tribunale nazionale, dobbiamo sapere esattamente cosa è successo”, ha sottolineato l’attivista in un’udienza al centro Flassaders di Palma.

Josefa, la donna camerunense salvata da Open Arms giovedì scorso è stata raccolta in mare aperto, mentre andava alla deriva aggrappata ai resti della sua piccola barca; insieme a lei, in mezzo al mare, sulla tavola di legno, c’era il corpo senza vita di un bambino, tra i 3 e i 5 anni, e di una donna anche lei morta, tra i 20 e i 30 anni.

Camps accusa di “negligenza assoluta” il capitano del mercantile e “il supposto gruppo armato che si fa chiamare Guardia Costiera libica” per aver lasciato alla deriva le tre persone; ma accusa anche l’Italia e l’insieme dell’Unione europea che lasciano che la Libia, “un Paese senza Stato”, si faccia carico delle attività di salvataggio con mezzi scarsi e nonostante il sospetto di connivenza con i trafficanti.

E ha denunciato il rifiuto di Italia e Malta a sbarcare nei loro porti i cadaveri e la sopravvissuta, denunciando la campagna di disinformazione condotta a suo dire ai danni della sua organizzazione dalle autorità italiane: “Ci accusano di essere un gruppo criminale, di essere trafficanti” perché denunciamo l’abbandono dei migranti in mezzo al Mediterraneo. “Siamo invece gli unici testimoni”, ha aggiunto, spiegando che nessuna altra Ong al momento è attiva nella zona, dove si dirigerà di nuovo Open Arms una volta completata a Palma la missione 47. 

La donna salvata testimonierà

Ora Josefa è stata ricoverata, in “forte stato di shock” , e farà da testimone di quanto accaduto, ha proseguito Camps. I due cadaveri sono stati invece trasferiti all’Istituto di medicina legale anatomica. La denuncia dell’equipaggio si estenderà, a seconda di come va l’indagine, anche alla Guardia Costiera di Italia e Malta perché, secondo Camps, potrebbero aver commesso un reato di omissione del dovere di assistenza. 

Insieme al fondatore dell’Ong c’era Marc Gasol, il giocatore Nba che ha partecipato al salvataggio di Josefa e dei due cadaveri come volontario: “Com’è possibile che si siano abbandonati una donna viva e un bambino: perché quando siamo arrivati, lei era appena morta. Qualcuno mi deve rispondere come gli esseri umani possono fare qualcosa del genere”. Tra i membri del’equipaggio c’era anche Erasmo Palazzotto, deputato di Leu e volontario, che ha voluto ringraziare il governo spagnolo per la “prova di civiltà”.  

Lapidario il commento del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, affidata a Twitter.

Mi spiace, ma Open Arms sbaglia obiettivo. Italia è esempio nel Mediterraneo per umanità ed efficienza soccorsi. Parlano i numeri. Avevamo dato disponibilità a curare #Josepha e aperto porto a Catania. Polemiche strumentali non ci interessano, si lavora per evitare morti in mare.

— Danilo Toninelli (@DaniloToninelli) 21 luglio 2018

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.