TwitterFacebookGoogle+

Probabili cause della lapidazione di Giacomo. 125

La lapidazione di Giacomo, fratello di Gesù,sembrò a tutti un autentico omicidio su commissione. Mentre, come faceva più volte al giorno, si recava al Tempio per pregare, Giacomo fu aggredito per la via, gettato dalle mura e lapidato. Il sommo sacerdote Anania ne aveva ordinato l’uccisione, tra l’indignazione popolare, poiché Giacomo aveva pubblicamente osannato al fratello crocifisso come al figlio di David. Quindi la sua fine fu ignominiosa e crudele come quella del congiunto. Samuel Brandon, analizzando le cause che determinarono la lapidazione di Giacomo giunge alla conclusione che queste andavano ricercate nell’affiliazione del basso clero coi cristiano-giudei, e quindi col contagio da esso subito dallo zelotismo che alimentava le attese messianiche riguardo a Gesù (la parusia). Difatti fu proprio il basso clero a far scoppiare nel 66 d.C. la ribellione contro Roma, rifiutando di offrire nel Tempio sacrifici all’Imperatore. La lapidazione di Giacomo fu quindi voluta dall’aristocrazia sacerdotale per mantenere lo status quo, minacciato dai cristiano-giudei. Secondo Giuseppe Flavio in quel periodo la situazione degli ebrei della Palestina peggiorava di giorno in giorno. Il paese era pieno di bande di zeloti, di ribelli e di sicari che creavano subbugli e infiammavano le moltitudini alla rivolta. Re Agrippa II e i romani non riuscivano più a controllare la situazione e c’era nell’aria sentore di catastrofe. Nel 66, infatti, in seguito ad un’ennesima ribellione e al massacro della guarnigione romana, scoppiò la Guerra Giudaica, che si concluse nel 70 con la distruzione di Gerusalemme e lo sterminio di gran parte del popolo ebraico.Dopo l’assassinio di Giacomo a capo della Chiesa di Gerusalemme fu eletto un cugino di Gesù, Simone figlio di Cleofa. Secondo Eusebio di Cesarea questo Simone, per intervento divino, nel 70 riuscì ad abbandonare Gerusalemme poco prima della caduta della città, e a rifugiarsi a Pella in Perea. In seguito, rientrò coi pochi cristiano-giudei superstiti, ma durante l’impero di Traiano, venne anch’egli crocifisso come supposto discendente di Davide. In alcuni elenchi falsificati e contraddittori di episcopi, Giacomo compare qualeprimo vescovo di Gerusalemme. Il suo «seggio episcopale» – come ironizza Adolf von Harnack – veniva ancora mostrato nel IV secolo.

Original Article >> http://impegno-laico.blogspot.com/2014/03/probabili-cause-della-lapidazione-di.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.