TwitterFacebookGoogle+

Processo Bossetti, il racconto in aula della sorella di Yara

(AGI) – Bergamo, 18 set. – Un piccolo ritratto di Yara Gambirasio e della sua vita e’ stato tracciato stamattina dalla sorella Keba nel corso della sua testimonianza raccolta nel corso del processo in corso al tribunale di Bergamo che vede imputato Massimo Bossetti. “Non avevo mai conosciuto Bossetti e nemmeno i suoi familiari – ha detto Keba Gambirasio -. Yara era una sveglia, e sportiva, sempre in jeans e maglietta, metteva la gonna solo per le occasioni ufficiali. Non mi ha mai parlato di ragazzi piu’ grandi o di avere confidenza con alcuni di loro. Non aveva rapporti con persone piu’ grandi, me lo avrebbe detto o lo avrei saputo: io conoscevo tutte le sue frequentazioni, i compagni e gli amici del Centro estivo. Lei non mi mostrava mai il suo cellulare, ma so che nei contatti aveva solo numeri di parenti e compagni di scuola. Quando andavamo in vacanza stavamo dai parenti e frequentavamo solamente loro, e per uscire di casa chiedevamo sempre il permesso ai nostri genitori. La sera in cui e’ scomparsa avevamo discusso per portare lo stereo in palestra, ma poi avevamo deciso che lo avrebbe portato lei”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.