TwitterFacebookGoogle+

Promettevano auto da sogno, raggirate 23mila persone

Biella – Promettevano auto da sogno versando quote relativamente modeste, ma si trattava di una pericolosa catena di Sant’Antonio. La Guardia di finanza di Biella ha indagato 6 persone, due fratelli astigiani pluripregiudicati, 3 manager e un promotore che, dietro il paravento di una societa’ tedesca, sono riusciti a racimolare in un anno e mezzo piu’ di 10 milioni di euro vendendo la speranza di poter guidare, con la formula del noleggio a 24 mesi, prestigiose “berline” a costo zero o quasi. Oltre 23mila le persone truffate, oscurato il sito web della scoieta’.

In sostanza, il meccanismo posto in essere altro non e’ che un sistema piramidale (meglio noto come “schema ponzi” o “catena di Sant’Antonio”. L’ingresso nel sistema di nuovi iscritti consente a coloro i quali avevano gia’ aderito di scalare ad un livello superiore e cosi’ via, di livello in livello. La societa’ prometteva di consegnare una vettura dopo qualche mese dall’ingresso nel sistema a coloro che avessero versato una quota mediante bonifico. Tale automobile sarebbe stata concessa a noleggio per 24 mesi senza che i beneficiari fossero gravati da ulteriori costi (compreso cambio gomme, bollo, assicurazione). Alla scadenza, avrebbero potuto, poi, noleggiare altri automezzi di classe e cilindrata superiori, fino ad una vera e propria “supercar”: una Maserati. I Finanzieri hanno scoperto tale sistema truffaldino intrufolandosi in incognito ad una delle riunioni tenutesi a Biella lo scorso mese di febbraio.

Altri simili incontri si sono succeduti su tutto il territorio nazionale per reclutare nuovi aderenti. Una volta capito il meccanismo, sono scattate le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Biella che ha disposto l’esecuzione di alcune perquisizioni domiciliari, eseguite il 19 aprile scorso e nel corso delle quali sono stati acquisiti importanti elementi utili ai fini delle investigazioni. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.