TwitterFacebookGoogle+

Provolo a Verona, pm: «pedofilia preti è certa»

«Per quanto attiene alla posizione del vescovo Giuseppe, nessun addebito di responsabilità penale appare imputabile». Questo l’incipit della richiesta di archiviazione, firmata dal pm Valeria Ardito, nei confronti di monsignor Zenti per i casi di pedofilia di cui si sono macchiati alcuni sacerdoti su bimbi e ragazzi sordomuti dell’Istituto Provolo. Come riporta Laura Tedesco sul Corriere del Veneto – edizione Verona a pagina 9, il pubblico ministero non ha ravvisato «responsabilità omissive» da parte del capo della Diocesi scaligera.

«È difatti emerso dall’istruttoria che l’Istituto Provolo è ente morale di diritto privato e dipende, come all’epoca, dalla Congregazione Compagnia di Maria, ente ecclesiastico. Questa dipende dall’Ufficio Congregazione Vita Consacrata del Vaticano. Deve quindi escludersi una qualsiasi dipendenza del Provolo dalla Curia di Verona». La parola, adesso, spetta al giudice per le indagini preliminari.

Provolo a Verona, pm: «pedofilia preti è certa»

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.