TwitterFacebookGoogle+

Puma attacca bimbo, mamma eroica glielo strappa dalle fauci

Denver – Tragedia evitata grazie all’eroismo di una mamma a Aspen, in Colorado, dove un puma ha assalito un bimbo di 5 anni che giocava con il fratello maggiore nel giardino davanti casa. La madre, che dall’interno ha udito le urla, è corsa fuori e ha visto il figlio che era completamente al di sotto dell’animale. Lottando è riuscita a strappare il piccolo dalla morsa dell’animale, bloccandogli una zampa e spalancando le fauci con cui gli aveva afferrato la testa. Il bimbo ha riportato ferite al volto alla nuca e al collo, ma quando e’ stato trasportato in elicottero in ospedale, era “vigile e cosciente”. La coraggiosa madre ha riportato solo lievi ferite alle mani e alle gambe. Il puma è stato ritrovato poco dopo dalle guardie forestali, vicino all’abitazione, sotto alcuni alberi, tra giocattoli e biciclette. “Era ferito o molto malato, e cosi’ lo hanno abbattuto”, ha spiegato il vice-sceriffo della contea di Pitkin, Michael Buglione, che ha definito la mamma “un’eroina”. La carcassa dell’animale, un esemplare di 8-9 mesi, sarà esaminata per verificare se avesse la rabbia o altre malattie. Un secondo puma è stato abbattuto l’indomani a poche centinaia di metri di distanza.

L’episodio risale a venerdì sera ma solo dopo diverse ore è trapelata la notizia ai media. L’Aspen Valley Hospital in cui il piccolo è ricoverati non è autorizzato a fornire aggiornamenti sulle sue condizioni, ma a quanto si è appresi non è in pericolo di vita, pur avendo riportato una profonda lacerazione alla guancia. Un occhio è chiuso perchè molto gonfio e una parte della capigliatura è stata strappata.

I puma o leoni di montagna non si vedono di frequente in Colorado e gli attacchi sono rari, “meno di una decina in tutto il Nord America in piu’ di 10 anni”, secondo il sito del ministero per le Foreste americano. Dopo aver raggiunto una diffusione vasta come quella di nessun altro mammifero del continente americano – dal sud del Canada attraverso l’America centrale fino alla Patagonia meridionale – il puma nel ‘900 ha visto ridursi la sua diffusione a poche aree disabitate o poco popolate degli Stati Uniti.

(AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.