TwitterFacebookGoogle+

Quando l’omosessualità diventa un paradosso

“Intendo presentarmi con il paradosso esistenziale della mia inclinazione omosessuale legata alla mia fede religiosa”, queste la parola di un religioso signore sul blog “Come Gesù” del prete e scrittore Mauro Leonardi. Scherzi della fede! Se la fede del religioso signore  fosse quella della Chiesa Evangelica Valdese o della Chiesa Evangelica Metodista, il religioso signore non vivrebbe la sua inclinazione omosessuale come un paradosso, se la sua fede fosse quella di un musulmano probabilmente la vivrebbe come una tragedia, se fosse un ateo, il religioso signore probabilmente vivrebbe la sua inclinazione omosessuale tranquillamente, in pace con se stesso e con l’universo, tranne forse con i rompiscatole che s’impicciano della vita altrui. E se il religioso signore fosse Cristo? Se Gesù fosse stato omosessuale, il che non si può escludere, sicuramente avrebbe vissuto la sua omosessualità tranquillamente, sia perché aveva ben altro cui pensare, sia perché sapeva perfettamente che agli occhi del Padre suo tutto del Figlio era santo, anche l’orientamento sessuale. Si dà il caso che il religioso signore non sia Gesù, non sia valdese o metodista, ma sia un  cristiano cattolico che crede in ciò che gli insegna la Chiesa cattolica,  e di conseguenza per lui la sua inclinazione omosessuale legata alla fede, diventa un paradosso esistenziale. Così va il mondo.

Carmelo Dini

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.