TwitterFacebookGoogle+

“Quanno ‘ammore vo’ filà” non c’è catenaccio che tenga

AmantiLa simpatica storia della suora che ha partorito senza sapere d’aspettare un bambino, e della madre superiora che neppure s’era accorta di niente, mi ha fatto venire in mente una vecchia splendida canzone napoletana di E. Murolo, Tagliaferri. “Quanno ‘ammore vo’ filà” (questo il titolo) non c’è catenaccio che tenga.

Parla di due sorelle che “sperévano pe’ n’ommo e pe’ nu vaso”, ma la madre aveva messo un catenaccio al cancello di casa. E allora “Ammore, ndrànghete,  na notte che te fa? Cu na scalella d’oro,  mbracci’â bruna se ne va”.

L’Amore entra dalla finestra e va in braccio alla bruna. Sarà successo così alla suora? La madre superiora l’avrà sentita sospirare e le avrà chiesto: “Che sóngo sti suspire?”. E lei: “E’ ‘o ventariello, oje mà’, ca smove ‘e ffronne, ‘a notte, ‘int’a ll’està” (E’ il vento, madre, che muove le foglie… ).

La stessa scena si ripete con la bionda, che si lamentava: “Perché solo per me nessuno passa?”. “E allora Ammore, ndrànghete, na notte che te fa? Da n’albero ‘e cerase, ‘mbracci’â bionda se ne va”. E la madre sente e le chiede: “Nenné’, ma chi se lagna, pe’ ‘mmiez’a ‘sta campagna?”. E lei: “E’ ‘a volpe, duorme oje mà’, che ‘a pullanchella è ghiuta a muzzecà” (E’ la volpe, dormi madre, che la gallina è andata a mordere).

La storia ha un lieto fine, giacché le sorelle, grazie alla comare, si sposano con i rispettivi amanti. Si farà avanti l’amante della suora?

Carmelo Dini

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.