TwitterFacebookGoogle+

Quelle banlieu svedesi di cui nessuno ama parlare

Nei giorni scorsi è stata fatta molta ironia sul comizio del 19 febbraio nel quale Donald Trump, in Florida, aveva citato la Svezia tra i Paesi europei che avevano subito le conseguenze più drammatiche del forte afflusso di richiedenti asilo. “Avete visto cos’è successo la notte scorsa in Svezia?”, aveva detto il presidente degli Stati Uniti, riferendosi ai “grandi numeri” di rifugiati accolti dalla nazione scandinava e dei “problemi che non credevano possibili” che gli svedesi stanno affrontando con la gestione del fenomeno. “Che si è fumato?”, aveva scherzato dell’ex primo ministro svedese, Carl Bildt. In realtà Trump aveva torto solo su quella notte precisa, nella quale nulla di grave risultava accaduto in Svezia, né un attentato, né altro. Ma che l’accoglienza disordinata e la mancanza di un sistema di integrazione funzionante abbiano reso Stoccolma un modello in negativo è verissimo. Ma ammetterlo, per un Paese che si autodefinisce “superpotenza umanitaria”, è molto difficile.

Appena la notte dopo, una rivolta esplode a Rinkeby, sobborgo di Stoccolma soprannominato “Piccola Mogadiscio” per la forte presenza di immigrati, soprattutto di origine somala, dove non mancano “reclutatori” vicini a organizzazioni jihadiste come Al-Shabaab. La miccia che fa accendere i tumulti è il tentativo della polizia di arrestare un sospetto spacciatore, la stessa dinamica che spesso incendia le banlieu parigine. Gli agenti vengono bersagliati con pietre e mattoni. Uno di loro resterà ferito. Uomini con il volto coperto da un passamontagna danno fuoco alle auto e saccheggiano i negozi. Alcuni cittadini che cercano di fermare la razzia, scrive il Telegraph, vengono assaliti a loro volta. E Trump si prende la rinvincita sul suo social network preferito.

 

Give the public a break – The FAKE NEWS media is trying to say that large scale immigration in Sweden is working out just beautifully. NOT!

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 20 febbraio 2017

“Tutto quello che ha detto Donald Trump è vero”, ha raccontato un testimone alla Cnn, “l’immigrazione è fuori controllo. Sono molti e non c’è posto per loro. Il vero problema sono i rifugiati. Vengono qui e credono di poter fare quello che vogliono”.

La polveriera di Stoccolma

Rinkeby è una delle 53 “aree vulnerabili” menzionate lo scorso anno in un rapporto della polizia svedese, zone , si legge sul sito del governo di Stoccolma, che “sono diventate sempre più colpite dal crimine, dall’insicurezza e da sommosse sociali”. Il governo rifiuta la definizione di “no go zone” utilizzata dalla pubblicistica di destra ma ammette che “in alcune di queste aree la polizia ha incontrato difficoltà a svolgere il proprio dovere”. Non è infatti certo la prima volta che Stoccolma si ritrova teatro di rivolte e scontri tra gang. Nel 2010, sempre a Rinkeby, centinaia di giovani tennero d’assedio per due notti la stazione di polizia, tra incendi e sassaiole. Le rivolte più violente avvenero però nel maggio 2013 a Husby, un altro quartiere della capitale caratterizzato dalla forte presenza di immigrati di origine africana o mediorientale. Per cinque giorni centinaia di automobili vengono bruciate, costringendo all’evacuazione di un intero isolato, un centro commerciale viene devastato, un ristorante viene incendiato e i pompieri intervenuti a spegnerlo vengono aggrediti, una fermata della metropolitana finisce sotto attacco e i treni vengono devastati. Alcuni dei rivoltosi fermati dalla polizia hanno tra i 12 e i 15 anni.

Violenza tra gang a Malmo

La situazione è ancora più tesa a Malmo, la città portuale che è spesso il primo punto di arrivo per chi chiede asilo in Svezia. “Nel giorno in cui arrivai, un ragazzo di ventitré anni era stato ucciso nella piazza principale della città con un colpo di pistola alla testa in fronte a diversi testimoni”, racconta il reporter del Telegraph, “era il terzo omicidio di quel genere in sei settimane. La stampa locale tende a non riportare l’etnia della vittima o dei sospetti ma gli svedesi hanno imparato a riconoscere i crimini legati alle gang di immigrati quando li vedono. Gli stranieri che visitano la parte sbagliata della Svezia possono pagare un prezzo alto: la scorsa estate un ragazzo britannico è stato ucciso da una granata a Goteborg mentre dormiva con la sua famiglia”. I politici svedesi tendono però a negare il problema, affermando che sia tutto sotto controllo. Un atteggiamento che non fa che favorire i partiti nazionalisti come gli Svedesi Democratici, che hanno ormai il sostegno di un elettore su cinque.

 

First @realDonaldTrump denounced it, then riots erupt in Stockholm immigrant suburb overnight https://t.co/nijirSe8KP pic.twitter.com/jjtLbQvGs5

— Will Willitts (@WillWillAFR) 21 febbraio 2017

 

Quella stampa reticente che infiamma la xenofobia

Se la stampa svedese non ama quindi molto porre l’accento sui crimini commessi dai rifugiati, le testate dell’ultradestra, come Breitbart, o il think-thank islamofobo Gatestone Institute, sono invece ghiotti di queste notizie, tanto che, quando non ne hanno a disposizione, se le inventano di sana pianta. Nondimeno, lasciare a questi siti il monopolio di riportare questi fenomeni sarebbe pericolosissimo per la credibilità della stampa tradizionale, come osserva il ‘Guardian‘. E ciò è particolarmente vero quando si tratta di violenze sessuali. Nel gennaio 2016, poco dopo i fatti di Colonia, il Dagens Nyether rivelò che nel capodanno di due anni prima, a Stoccolma, numerose donne furono molestate da immigrati di origine afgana durante un festival musicale. La polizia, racconta ancora il Guardian, coprì la notizia. Il ruolo dell’immigrazione nell’aumento delle violenze carnali in Svezia (secondo Amnesty, quadruplicate negli ultimi vent’anni) è però un tema molto complicato da affrontare, e non solo perché i dati della polizia non riportano la nazionalità degli arrestati. Secondo le statistiche dell’Onu, la Svezia è il secondo Paese al mondo per incidenza di stupri dopo il Lesotho: 69 casi ogni 100 mila abitanti. Quindi il primo in Europa. Sono numeri che vanno presi con le pinze. Come appare palese dalla vicenda che aveva coinvolto Julian Assange, secondo la legge svedese possono essere considerate violenza carnale anche molestie molto leggere e, data la cultura femminista del Paese, è probabile che vengano denunciati molti più casi rispetto alla media di altri Paesi. Il Consiglio Nazionale per la Prevenzione del Crimine, organo del ministero della Giustizia svedese, sostiene però che l’80% dei casi non viene riportato. Negli ultimi mesi l’approccio dei media locali è però mutato. Grande rilevanza aveva avuto lo scorso dicembre la vicenda del quindicenne violentato in un bosco vicino Uppsala da cinque coetanei di origine afgana. Così, come nel gennaio 2017, lo stupro di una ragazza trasmesso in diretta Facebook, ancora a Uppsala e ancora perpetrato da giovani rifugiati afgani. A far cambiare il vento era stato, nel gennaio 2016, l’omicidio di una ventiduenne commesso da un richiedente asilo ospitato nel centro dove la ragazza lavorava. Per evitare una frattura insanabile con l’opinione pubblica, il governo decide di ridurre di quattro quinti il numero di rifugiati accolti.

Le ragioni di un fallimento e la lezione dell’Italia

Prima del recente giro di vite, la Svezia era il Paese europeo che accoglieva più rifugiati in assoluto rispetto alla popolazione. Solo nel 2015 oltre 160 mila persone (in arrivo principalmente da Iraq, Siria e Afghanistan) sono giunte in Svezia per chiedere asilo, un numero enorme per una popolazione residente di appena dieci milioni di abitanti. Stoccolma è fiera della sua immagine di patria dei diritti civili. Un dibattito concreto sulle conseguenze dell’immigrazione di massa è quindi difficile e a provarci si rischia di essere bollati come razzisti. Ma non si possono accogliere grandi masse di immigrati provenienti da culture distanti senza avere la minima idea di come integrarli, relegandoli in ghetti preda di emarginazione e disoccupazione. Già, perché a tanta alienazione contribuisce l’impossibilità per la manodopera straniera non qualificata di trovare un lavoro nel Paese scandinavo. A causa delle barriere linguistiche e di un mercato del lavoro fortemente regolato, la Svezia è il Paese europeo dove un immigrato ha le maggiori probabilità di restare disoccupato. Se tra gli svedesi il tasso di disoccupazione è il 4%, tra gli stranieri residenti in Svezia il dato è al 22%. Non esiste un altro paese sviluppato con un differenziale così elevato, sottolinea l’Ocse nel suo Immigration Outlook 2016. Nel Regno Unito non esiste il minimo gap. E il differenziale è minimo in due nazioni sottoposte a ingenti flussi come la Grecia e l’Italia, che nonostante la crisi economica, sono secondi in Europa solo a Londra come capacità di integrare gli stranieri nel mercato del lavoro. Forse è tempo che Stoccolma ceda a Roma quella bandiera di “superpotenza umanitario” che ama tanto sventolare. 

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.