TwitterFacebookGoogle+

Quirinale si smarca, su quesito decide Cassazione

Roma – Il Quirinale si smarca sul ricorso presentato dal fronte del No contro il quesito del referendum costituzionale. Il testo, viene fatto notare al Colle, è stato valutato eammesso dalla Cassazione, come previsto dall’art 12 della legge 352 del 1970. M5s e Sinistra italiana hanno presentato un ricorso al Tar, ritenendo che il testo del quesito del referendum che conferma la riforma costituzionale sia “uno spot pubblicitario” per il Si’. “I ricorrenti – si legge nella nota in cui si spiega l’iniziativa – lamentano che il quesito predisposto dal Quirinale non tiene conto di quanto stabilito dall’art. 16 della legge 352-1970, secondo cui, quando si tratti di revisione della Costituzione, il quesito referendario deve recare la specifica indicazione degli articoli revisionati e di cio’ che essi concernono”. Il testo del quesito su cui si votera’ il 4 dicembre recita: “Approvate il testo della legge costituzionale concernente ‘disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.