TwitterFacebookGoogle+

Quote latte: Tribunale Ue annulla no a rateizzazione rimborsi

(AGI) – Bruxelles, 24 giu. – Il tribunale dell’Unione europea ha annullato la decisione della Commissione che considerava illegittima la scelta dell’Italia di permettere ai produttori che avevano superato le quote latte di rateizzare i rimborsi dovuti allo Stato italiano fino a 30 anni. Secondo la Commissione, questo lungo termine nascondeva un aiuto di Stato, di cui hanno beneficiato 1.291 produttori per cifre che andavano da 0,8 a 694 euro, e pertanto era contrario alle norme Ue. In una sentenza pubblicata oggi, infatti, il Tribunale contesta la procedura adottata dalla Commissione per definire “nuovi aiuti di Stato” quelli concessi dal governo ai produttori di latte. Nel 2011, l’Italia si era fatta carico del rimborso dovuto all’Ue per la sovrapproduzione di latte degli allevatori italiani. Nonostante un’indicazione del Consiglio Ue di limitare la rateizzazione del recupero dei fondi da parte degli produttori a 14 anni, aveva deciso di allungare il periodo fino a 30 anni. Nel 2013, la Commissione aveva definito tale decisione come un “nuovo aiuto di Stato”: oggi, il Tribunale ha stabilito che, affinche’ questa definizione fosse considerata valida, la Commissione avrebbe dovuto seguire una diversa procedura: si tratta di una questione di metodo, non di merito e la Commissione potra’ quindi impugnare la sentenza. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.