TwitterFacebookGoogle+

Rabbia anti-Trump, spari a Portland

Portland (Oregon) – La rabbia per l’elezione del repubblicano Donald Trump alla Casa Bianca continua a riempire le strade d’America. E nella terza notte di proteste contro il 45esimo presidente Usa, un manifestante è rimasto ferito da colpi di arma da fuoco. E’ successo a Portland, in Oregon: l’uomo non è in pericolo, ma si cerca ancora chi ha sparato. Secondo una prima ricostruzione della polizia, c’è stato un confronto tra i partecipanti alla marcia anti-Trump e il conducente di un’auto su un ponte, il Morrison Bridge: quest’ultimo, probabilmente afroamericano, ha urlato qualcosa ai manifestanti, poi è sceso e ha sparato diversi colpi d’arma da fuoco.

Usa: cortei e proteste contro Trump, 200 arresti – Foto

Secondo i media, si cerca un giovane di origine afroamericana, intorno ai vent’anni, con una felpa con cappuccio scuro e blu-jeans. Ore prima, la polizia aveva sparato gas lacrimogeni e granate stordenti per tentare di disperdere i manifestanti, che avevano letteralmente ‘invaso’ le strade della città, mandando in tilt il traffico e spruzzando graffiti sui muri. Secondo la polizia, sono anche stati lanciati oggetti incendiari e compiuti atti di vandalismo durante il corteo, che per diverse ore era rimasto pacifico. 

Marcia anti-Trump a Portland, la polizia spara lacrimogeni – Video

Altri disordini sono stati registrati a Los Angeles mentre a New York la polizia ha dovuto erigere barricate mobili e piazzare camioncini anti-bomba pieni di sabbia davanti alla Trump Tower, quartier generale e residenza del neo-presidente; in totale oltre 200 persone sono finite in manette, di cui 185 nella città della California. (AGI)

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.