TwitterFacebookGoogle+

Raffinazione: Clo', parte problemi derivano da scelte errate Ue

Roma – “Parte della crisi della raffinazione deriva da decisioni sbagliate prese in sede europea”. E’ quanto ha sottolineato il professore Alberto Clo’ nel corso del suo intervento al workshop dell’Eni organizzato in collaborazione con il Rie. “Non si possono affrontare i problemi se non si conoscono”, ha detto riferendosi alle autorita’ europee, “non dobbiamo pretendere di essere i primi della classe adottando le misure piu’ rigide del mondo. La Commissione europea dice di prendere le distanze dai combustibili fossili ma dice anche che tale industria si basa su tecnologie vecchie sbagliando. Basti pensare allo shale oil americano che ha rivoluzionato gli scenari energetici ed economici del mondo. In questo dimostra di non conoscere tali evoluzioni”, ha proseguito.
Secondo Clo’ “la raffineria e’ parte dell’industria petrolifera. Questa crisi ridisegnera’ la struttura dell’industria petrolifera europea e la posta in gioco e’ la piattaforma logistica produttiva che da Rotterdam alla Sicilia ha soddisfatto in tutti questi anni la domanda” di prodotti petroliferi. “E’ in gioco il futuro del petrolio che restera’ dominante anche nel 2050 ed e’ un discorso che coinvolge la competitivita’ europea”, ha concluso. (AGI)
 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.