TwitterFacebookGoogle+

Raggi e il 'Frigogate', scoppia l'ironia sui social

Roma – Roma vittima di un complotto dei frigoriferi, tanto che qualcuno parla già di ‘Frigogate’: scoppia l’ironia sui social per una frase del sindaco, Virginia Raggi, sull’emergenza rifiuti nella capitale. “E’ un po’ strano, ci sono frigoriferi che invece di essere portati all’isola ecologica vengono buttati vicino ai cassonetti e non è mica un lavoro semplice portarli lì, non so neanche come facciano – dice il primo cittadino intervistato da Repubblica – però il frigorifero è già tutto sfondato e graffiato. Mi sembra strano”.

E nel giro di poche ore l’hashtag #frigoriferi diventa trendtopic di Twitter. “Virginia Raggi gela tutti” scrive un utente, mentre un altro si aspetta ora “l’inchiesta sui “pedalini e sui palloni rimasti sui tetti”.

 

#raggi Abbiamo tutti contro pic.twitter.com/ZeSEvFamBo

— copiomenesbatto (@menesbatto_) 25 ottobre 2016

 

“Ecco perchè avevo quella strana sensazione che il frigo, stamattina, mi guardasse strano” scherza Federico Mello. I Poteri Forti avvertono “dal #frigorifero all’#ordigno il passo è breve…”.

Qualcuno suggerisce di “istituire anagrafe dei frigoriferi e l’obbligo di microchipparli in modo da risalire a chi li abbandona per boicottare il Sindaco #Raggi”. Mentre un altro utente la mette in guardia: “Anche le lavatrici stanno remando contro”.

 

La banda dei #frigoriferi #RAGGIrati #Roma pic.twitter.com/B7ssR9pKqt

— Trescogli (@trescogli) 25 ottobre 2016

In realtà l’aumento di frigoriferi abbandonati in strada è dovuto alla sospensione dello scorso 17 giugno del servizio dell’Ama di ritiro a domicilio. Servizio per il quale è stata indetta una gara d’appalto scaduta il 5 ottobre. 

(AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.