TwitterFacebookGoogle+

Raggi Vs Giachetti: Olimpiadi non priorità, Atac da risanare

Roma – “Sicuramente le Olimpiadi sono occasione di sviluppo, pero’ al momento siamo di fronte a un primo progetto. I Giochi sono un’occasione ma non vanno utilizzati per dire altro. Le priorita’ sono altre. Il mio e’ un no oggi”. Nel primo confronti in tv tra i candidati sindaco di Roma, Virginia Raggi, candidata M5S, risponde a Lucia Annunziata sulla questione delle Olimpiadi a Roma del 2024. “In questa campagna elettorale non ho mai sentito un romano chiedermi ‘le facciamo o no le Olimpiadi?’. Mi chiedevano perche’ non passa l’autobus, i servizi che mancano alla citta’. Il dibattito si sta polarizzando sulle Olimpiadi per sfuggire ai problemi dei romani: Ama, trasporti ed altri ancora. E se poi non sono assegnati i Giochi a Roma? Che fine fanno i lavori di ripristino degli impianti esistenti e di cui si parla come prossimi?”.

Il candidato del Pd, Roberto Giachetti, incalza l’avversaria: “Personalmente non ho dubbi sulle Olimpiadi a Roma. Chi si candida a governare Roma non puo’ avere dubbi, deve chiarire. E Raggi non chiarisce. Roma non si governa con i dubbi. Lei deve dire Si’ o No”. Poi aggiunge: “Pensare alle Olimpiadi del 2024 non vuol dire dimenticare i problemi di oggi della citta’ – spiega Giachetti -. Le Olimpiadi vogliono dire 170mila posti di lavoro. Chiedero’ a Malago’ di mettere qualcuno nel Comitato Olimpico. Le opere che si fanno sono tutte di manutenzione, opere che poi rimangono alla citta’.

Sull’altro tema caldo, quello delle municipalizzate, tra cui l’Acea, la Raggi dichiara che riorganizzazione, semplificazione delle societa’ partecipate dal Comune di Roma “non vuol dire licenziamento”. Secondo la candidata M5S a sindaco di Roma “sulle partecipate abbiamo un disegno che riguarda la riorganizzazione, sono circa 80 tra i diversi livelli. Roma spende 1,7 miliardi di euro all’anno per finanziare queste partecipate e i servizi sono pero’ sotto la sufficienza”. Per Giachetti, che dichiara di non avere “un approccio ideologico sull’Acea“, “è una azienda importante. Penso pero’ che convochero’ l’amministratore delegato di Acea per un piano di illuminazione pubblica piu’ forte. La cita’, infatti, e’ buia, alcune zone sono completamente al buio”. Poi una precisazione alle accuse della Raggi: “Mai detto che voglio privatizzare l’Atac. E’ una azienda che va risanata. Ovviamente va accompagnata nel risanamento, anche facendo un patto con i lavoratori”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.