TwitterFacebookGoogle+

Raid F16 turchi nel nord della Siria, uccisi 20 jihadisti

Istanbul – Circa 20 miliziani dell’Isis sono morti in seguito a un raid aereo turco nel nord della Siria, la sera del 10 settembre. A darne l’annuncio il comando generale dell’esercito, con un comunicato emesso nella tarda mattinata di oggi, nel quale si dichiara che i raid fanno parte dell’operazione “Scudo dell’Eufrate”, e che gli F16 hanno colpito a sud di Tell al-Hava. Ankara ha lanciato l’operazione “Scudo dell’Eufrate” lo scorso 24 agosto, per permettere ai ribelli dell’Esercito libero siriano di sottrarre all’Isis il controllo della citta’ di Jarabulus e dell’omonima regione. Obiettivo dell’operazione e’anche quello di impedire ai curdi siriani del Pyd-Ypg di ricongiungere il territorio sotto il loro controllo, nel nord est della Siria, con l’enclave di Afrin.

Accordo tra Usa e Russia, da lunedì cessate il fuoco di una settimana

“Un dovere vincolante del governo turco”. Queste le parole con cui il presidente Recep Tayyip Erdogan ha definito l’operazione “Scudo dell’Eufrate” nel messaggio per l’inizio dell’Eid al-Adha, la festa del Sacrificio. Secondo Erdogan, “cancellare” l’Isis dal confine e’ per la Turchia “un preciso dovere”, affinche’ siano eliminati gli attacchi che l’Isis ha perpetrato nel Paese, e “Scudo dell’Eufrate” e’ solo “il primo passo in questa direzione”. “Qualunque organizzazione terroristica che abbia intenzione di minacciare lo stato turco e la sua integrita’, sappia che li affronteremo con i nostri 570 mila soldati, 260 mila poliziotti e 79 milioni di cittadini,” ha dichiarato Erdogan questo pomeriggio. Secondo il presidente, organizzazioni come il partito curdo dei lavoratori (Pkk),i loro affiliati siriani del Pyd-Ypg, la confraternita di Fetullah Gulen, ritenuta artefice del golpe del 15 luglio, cosi’ come l’Isis “non hanno alcuna possibilita’ di resistere dinanzi alla saggezza del popolo turco”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.