TwitterFacebookGoogle+

Referendum, Tar Lazio boccia ricorso opposizioni sul quesito

Roma – E’ “inammissibile per difetto di giurisdizione” il ricorso presentato da esponenti del Movimento 5 stelle e di Sinistra italiana contro il quesito referendario sulla riforma costituzionale al voto il 4 dicembre. Nell’istanza si contestava il testo che per la sua formulazione avrebbe favorito il fronte del Sì. La seconda sezione bis del Tar del Lazio ha rilevato un “difetto assoluto di giurisdizione”, ovvero la propria impossibilità a decidere sulla materia che non rientra tra quelle demandata alla giustizia amministrativa. 

Ecco le novità del ddl Boschi

Il Tar, dunque, considerata “l’urgenza” di dare una risposta definitiva sulla questione non si è limitato alla richiesta cautelare e ha deciso nel merito della controversia. Secondo i giudici amministrativi, l’individuazione del quesito contestato è riconducibile alle ordinanze adottate dall’Ufficio Centrale per il referendum della Corte di Cassazione ed è stato successivamente recepito dal Presidente della Repubblica nel decreto impugnato con il ricorso di M5S e Sinistra italiana. La sentenza del Tar rileva che “sia le ordinanze dell’Ufficio Centrale per il referendum sia il decreto presidenziale, nella parte in cui recepisce il quesito, sono espressione di un ruolo di garanzia, nella prospettiva della tutela generale dell’ordinamento, e si caratterizzano per la loro assoluta neutralità, che li sottrae al sindacato giurisdizionale”.

Cosa cambia in Senato

Eventuali questioni di costituzionalità della legge sul referendum, secondo i giudici amministrativi, “relative alla predeterminazione per legge del quesito e alla sua formulazione, sono di competenza dell’Ufficio centrale per il referendum, che può rivolgersi alla Corte Costituzionale”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.