TwitterFacebookGoogle+

Referendum: Tar, tema delicato "Decideremo nel merito"

Roma – La decisione del Tar del Lazio sul ricorso presentato da M5S e Sinistra Italiana relativo alla formulazione del quesito referendario sulla riforma costituzionale arriverà solo dopo un’udienza straordinaria, e affronterà la questione nel merito. Questa è la decisione presa oggi dal presidente della seconda sezione bis del Tar, Elena Stanizzi, dopo l’udienza a porte chiuse in cui sono stati sentiti i legali dei ricorrenti e i rappresentanti dell’avvocatura dello Stato. “E’ stato chiesto alle parti – spiega l’avvocato Luciano Vasques, uno dei legali dei ricorrenti – di approfondire vari temi. Presenteremo delle memorie”. La decisione dei giudici amministrativi, quindi, arrivera’ con procedura d’urgenza con una sentenza nel merito: la data dell’udienza sara’ fissata a breve.

Cosa dice il quesito del referendum
 

Il fronte del ‘No’ era ricorso al Tribunale amministrativo regionale contro il quesito del referendum che “così formulato finisce per tradursi in una sorta di spot pubblicitario, tanto suggestivo quanto incompleto e fuorviante”.  Per i ricorrenti il testo del quesito è “a favore del Governo che ha preso l’iniziativa della revisione e che ora ne chiede impropriamente la conferma ai cittadini, che non meritano di essere ingannati in modo così plateale”.

D’Alema, imbroglio governo su quesito. Lotti accecato da odio

(AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.