TwitterFacebookGoogle+

Regeni, scontro sui tabulati. Egitto 'infastidito' con l'Italia

Il Cairo – Sale la tensione tra Egitto e Italia. Il ministro degli Esteri Sameh Shoukry ha telefonato al titolare della Farnesina, Paolo Gentiloni per esprimergli “il fastidio per l’orientamento politico” che, secondo Il Cairo, sta condizionando il modo in cui il governo italiano sta trattando il caso di Giulio Regeni, il ricercatore torturato ed ucciso al Cairo.  

Secondo quanto riporta il quotidiano al Ahram, che cita il portavoce del ministro Ahmed Abu Zeid, Shoukry nel corso della conversazione ha detto a Gentiloni che la “trasparenza e la convinzione con cui l’Egitto sta rispondendo alla controparte italiana” è stata contraddetta dalla decisione dei magistrati di Roma di porre fine alla collaborazione e dalla decisione assunta dal governo di richiamare l’ambasciatore italiano, Maurizio Massari. “Il ministro degli Esteri ha sottolineato che questa svolta solleva domande sullo scopo di queste decisioni e fino a che punto queste siano collegate alla collaborazione (saltata, ndr) tra le due squadre di inquirenti”, si legge in una dichiarazione pubblicata sulla pagina Facebook del ministero.

“Ribadisco che il richiamo a Roma per consultazioni dell’ambasciatore al Cairo Maurizio Massari disposto dal ministro (Paolo) Gentiloni fa seguito agli sviluppi insoddisfacenti delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma tra i team investigativi italiano ed egiziani” ha detto il Sottosegretario agli Affari Esteri Vincenzo Amendola. “L’impegno e l’orientamento dell’Italia sono esclusivamente volti all’accertamento della verità sul barbaro omicidio di Giulio Regeni”, ha concluso Amendola.

Tornati al Cairo i magistrati egiziani, che seguono a modo loro le indagini sul caso dell’assasinio di Giulio Regeni, hanno ribadito che non possono consegnare ai colleghi italiani i tabulati telefonici della cella della zona dove venne rapito il ricercatore italiano perché sarebbe “incostituzionale”.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.