TwitterFacebookGoogle+

Religione a scuola

Di Marcello Vigli – 11.01.2017 –
Può sembrare fuori tempo tornare a parlare e scrivere di religione  a scuola, un tema che, in anni passati, ha avuto molto spazio nel dibattito sui problemi della pubblica istruzione in Italia. A riproporlo contribuisce l’urgenza della scelta che, studenti e genitori si troveranno a fare al momento dell’iscrizione al nuovo anno scolastico, se avvalersi o non dell’ insegnamento della religione cattolica (Irc). Sarà la prima volta per i nuovi iscritti o per quelli che passano dal corso inferiore a quello superiore, ma sono interessati anche quelli che intendono cambiare la scelta dell’anno precedente.

Ha colto l’occasione l’arcivescovo di Genova, cardinale Bagnasco, per inviare una lettera ai genitori della sua diocesi in procinto di scegliere per i loro figli. Si parla spesso di una certa “fragilità” che rende difficile resistere nelle difficoltà della vita, alle quali nessuno può sottrarsi. ….. La ricchezza e la complessità dell’esistenza, se non è armonica, diventa dispersione, disorientamento. Non si può vivere spaesati! Anche il ricco mondo della scuola – con le conoscenze e competenze che offre – chiede un punto di sintesi, perché il giovane non diventi un’ “enciclopedia”, ma una persona matura. L’insegnamento della religione cattolica, anche per la sua valenza culturale, può essere per tutti un momento di chiarificazione e di equilibrio: i suoi contenuti, la sua lunga storia, il continuo confronto con le civiltà, sono un riferimento necessario per comprendere il tempo e la società che abitiamo, uno strumento per il dialogo con tutti. Per questo vi invito a scegliere l’ora di religione con convinzione e fiducia, affinché i valori universali, che essa illustra nei loro contenuti e nelle loro ragioni, possano diventare stimolo del pensare e del vivere.

È certo difficile pensare come tutto questo possa ottenersi attraverso  un insegnamento che il cardinale dimentica essere rigorosamente “confessionale”, per di più impartito da insegnanti selezionati dall’autorità ecclesiastica.

La stessa finalità attribuisce all’Irc  il messaggio della Presidenza della Cei inviato a tutte le famiglie, come è tradizione, in occasione della Giornata di sensibilizzazione alla scelta dell’Ora di Religione promossa dalla stessa Cei. Nel riconoscere che la società italiana è sempre più plurale e multiforme, i vescovi italiani affermano:  Dovrebbe essere ormai chiaro a tutti che questa scelta non è una dichiarazione di appartenenza religiosa, né pretende di condizionare la coscienza di qualcuno, ma esprime solo la richiesta alla scuola di voler essere istruiti anche sui contenuti della religione cattolica che costituisce una chiave di lettura fondamentale della realtà in cui noi tutti oggi viviamo.

Completa il quadro don Daniele Saottini, responsabile del Servizio nazionale per l’insegnamento della religione cattolica della Cei, affermando: Questa disciplina scolastica è una disciplina che si rivolge a tutti i ragazzi, a tutti gli alunni, a tutti gli adolescenti, perché loro possano conoscere le esperienze, la storia, la cultura, la vita del nostro Paese che è caratterizzata – volente o nolente – da una forte presenza del messaggio dell’azione della vita della Chiesa cattolica.

Questa convergenza nel giustificare ed esaltare il valore dell’Irc non è solo l’espressione della volontà di conservare questo privilegio; rivela, invece, l’intento di accreditarlo come fondamento della cultura che la scuola è chiamata  a trasmettere.

Per questo appare grave l’orientamento di quanti sottovalutano il problema o che, nell’intento di risolverlo, avanzano proposte per integrarlo o sostituirlo con una disciplina obbligatoria.

Fra questi si collocano di tempo in tempo intellettuali e gruppi cattolici d’ispirazione democratica e non integralisti favorevoli  ad aggiungere all’attuale Irc un insegnamento curriculare non confessionale. Di recente, per rafforzare le argomentazioni di sempre, adducono la necessità di adeguare il sistema scolastico alla sempre più ampia frequenza di alunni e studenti che professano altre religioni.

Nella stessa direzione si muovono quei settori della sinistra non impegnata ad affermare il principio di laicità,  ben rappresentati da Massimo Cacciari che, in un’intervista curata da Francesco Dalmas, sull’ Avvenire del 13 agosto 2009,  era stato perentorio nel proporre: La nostra tradizione religiosa insegnata obbligatoriamente a scuola. Non solo, la teologia dovrebbe essere presente in tutti i corsi universitari di filosofia…. Per me è fondamentale il fatto che non si può essere analfabeti in materia della propria tradizione religiosa. È una questione di cultura, di civiltà. Non si può non sapere cos’è il giudaismo, l’ebraismo, non si può ignorare chi erano Abramo, Isacco e Giacobbe. Bisogna conoscerne la storia della religione, almeno della nostra tradizione religiosa, esattamente com’è conosciuta la storia della filosofia e della letteratura italiana. Ne va dell’educazione, della maturazione anche antropologica dei ragazzi. È assolutamente indecente che un giovane esca dalla maturità sapendo magari malamente chi è Manzoni, chi è Platone e non chi è Gesù Cristo. Si tratta di analfabetismo. La scuola deve alfabetizzare. Né accetta di sostituire l’Irc con l’insegnamento di storia delle religioni Vorrei che fosse una materia in cui si studiasse veramente la Bibbia, prendiamo in mano il Vangelo e approfondiamolo; non vuole ovviamente insegnanti controllati dalla gerarchia ecclesiastica che, a suo avviso, non avrebbe nulla da temere da questa rinuncia.  In cattedra, per l’insegnamento della religione cattolica, non può sedersi chiunque. Certo, ma con il concorso pubblico, che auspicherei anche per l’insegnamento di questa materia, la Chiesa non correrebbe nessun rischio, perché l’insegnante sarebbe sempre una persona motivata, appassionata, che sente una vocazione per queste materie.

Le proposte sostenute con queste o analoghe argomentazioni, che ovviamente non hanno udienza presso la gerarchia cattolica, in verità presuppongono il riconoscimento di una specificità qualitativa alla religione.

Certo le religioni hanno proprie forme organizzative e caratteristiche manifestazioni del culto, che sono, però, riconducibili, anche perché ben diverse fra loro, al complesso delle forme e delle manifestazioni in cui, nel tempo e nello spazio, si sono organizzati e si esprimono donne e uomini nelle diverse società nel promuovere le relazioni fra loro.

Analogamente le costruzioni teologiche, anche quelle che chi ha fede considera elaborazioni di una rivelazione divina, si inseriscono legittimamente nei “sistemi” che la filosofia e le scienze nel tempo hanno elaborato per interpretare la realtà.

Ben venga quindi lo studio della religione nelle scuole superando pregiudiziali anticlericali, che sono da rifiutare perché inducono ad ignorarla o non riconoscerla autentica espressione della dimensione umana.  Come tale va studiata non come materia autonoma ma all’interno delle discipline  storiche e filosofiche che danno conto del divenire degli immaginari collettivi che gli umani si sono costruiti nel costituirsi in aggregazioni sociali nel corso dei secoli.

http://www.italialaica.it/news/editoriali/56464

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.