TwitterFacebookGoogle+

Renzi, Brexit è la sveglia. Italia deve essere leader in Europa

Roma –  E’ in corso in un albergo romano l’Assemblea del Pd, dove è intervenuto anche il premier Matteo Renzi annunciando di aver firmato proprio questa mattina la legge sulle unioni civili. “Questa mattina ho fatto un po’ tardi perché avevo delle carte da firmare, tra cui la legge sulle unioni civili”. Poi il segretario Pd ha parlato a lungo dell’Europa e delle prossime mosse da fare dopo la Brexit. Toccati anche molti argomenti di politica estera, dalla Turchia alla Siria e alla lotta al terrorismo, passando per gli Stati Uniti e la candidatura alla casa bianca di Donald Trump. 

“Senza idea alternativa entro il 2017 Europa perderà” 

“Abbiamo aperto una breccia nel moloch dell’austerity. Mi sono sentito messo all’angolo quando al vertice di Ypres proposi per primo di cambiare il paradigma dell’economia europea. O il Pd ha la consapevolezza che da qui al 2017 siamo in grado di costruire una alternativa al modello europeo, oppure avra’ perso l’Europa. E’ cruciale raccontare che l’Europa non è la causa di tutti i mali come avvenuto in Gran Bretagna”. Lo ha detto Matteo Renzi all’assemblea del Pd.

“La vittoria di Brexit è stata una vittoria politica di chi voleva uscire ed è stata una sconfitta politica per l’Europa. Il leave ha vinto laddove la manifattura tradizionale è andata in crisi. Questo significa: l’Europa deve considerare la Brexit come una gigantesca sveglia. E’ inutile allungare il dibattito su elementi di natura burocratica. Non consentiremo all’Europa di rimanere ostaggio della politica inglese”, ha aggiunto Renzi. “O noi utilizziamo questa occasione per definire una linea strategica dell’Europa o ci ridurremo a rincorrere la dittatura dell’istante. Dobbiamo capire se la politica ha ancora la possibilita” di incidere in un percorso di costruzione dell’Europa. Il voto di Brexit e’ un voto politico. Il referendum di Cameron è stato figlio di una scelta politica”.

“Non si torna alle foto a due” in Europa. “Senza proposta alternativa, si torna a Ventotene”. Lo ha puntualizzato Matteo Renzi all’assemblea del Pd.

“Il 2017 diventa un anno decisivo perche’ l’Italia ha ottenuto di poter sedere al consiglio di sicurezza dell’Onu. Accanto a questo, c’e’ il G7 in Italia, a Taormina, e le celebrazioni per i sessanta anni degli Accordi di Roma”. Lo ha detto Matteo Renzi all’assemblea del Pd. “Il Pd ha la responsabilita’ culturale, etica e politica di portare alla discussione europea uno sguardo basato su una visione alternativa del mondo e l’Europa deve farsi carico di mettere un punto e di aprire una fase nuova”, ha aggiunto.

 “Ho cambiato idea: l’Italia non puo’ essere leader in Europa. Deve essere leader”. Lo ha detto Matteo Renzi all’assemblea del Pd. “L’Italia deve prendere per mano un continente che in questo momento e’ in difficolta’”, ha aggiunto.”Noi non comprendiamo le dinamiche di alcune politiche europee, frutti di errori del passato quando abbiamo consentito alla tecnocrazia di decidere tutto sulle banche, sulla finanza e sul credito. Abbiamo avuto paura di giocare il nostro ruolo, questa paura ci è passata, noi andiamo in Ue a giocare il nostro ruolo perchè serve all’Europa”. 

Stati Uniti – “Oggi gli Stati Uniti attraversano la stagione di crescita di posti di lavoro piu” grande dalla Seconda Guerra Mondiale. Come mai a fronte di questo risultato l’America dei democratici fatica a parlare alla pancia del ceto medio? Non credo sia per la paura del nemico, né per la paura dell’immigrazione. La paura che sta bloccando il popolo americano è la paura del futuro. E Donald Trump sta giocando su un’America cupa, promettendole di tornare grande”. Lo ha detto Matteo Renzi all’assemblea del Pd. “Quello che sta avvenendo negli Stati Uniti è il simbolo di quello che avverrà” nei prossimi anni in tutto il mondo. E in questo momento è in corso un derby fra paura e coraggio”.

Turchia – “Diciamo con forza alle istituzioni turche che, proprio per il rapporto stretto con la Turchia avviato dieci anni fa, un Paese che mette in carcere i propri professori e i propri giornalisti sta mettendo in carcere il futuro e non c’è accordo sull’immigrazione che possa giocarsi sui diritti umani”. Lo ha detto Matteo Renzi all’assemblea del Pd.

Terrorismo – Nella lotta al terrorismo “c’è un tema che riguarda la comunicazione. E’ importante restare umani, ma non c’e’ soltanto Dacca, Nizza, Orlando o Monaco. Ogni giorni si colpisce in una chiesa nigeriana, in un mercato di Baghdad, ogni giorno si continua a morire in Siria”. Lo ha detto Matteo Renzi all’assemblea del Pd. “Il disegno di chi ci vuole nel terrore e’ molto articolato. Il loro obiettivo numero uno e’ distruggerci, ma il secondo obiettivo e’ farci vivere nel terrore. Se noi rinunciamo a ciò” che siamo come identita’ e valori, abbiamo comunque perso. Difendere la nostra vita, vuol dire difendere ideali e valori, un modello culturale ed educativo”, ha aggiunto. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.