TwitterFacebookGoogle+

Renzi e Orlando: corsa a due per la segreteria Pd 

I dati sono parziali, la sfida dei congressi locali è appena iniziata, ma quello che emerge da quello zero virgola di circoli che si sono espressi fino a questo momento parla già di un testa a testa tra Matteo Renzi e Andrea Orlando. 

Renzi parte bene

L’ex segretario è in testa ma non stacca ancora il diretto inseguitore: 55 per cento Renzi, 42,6 per cento Orlando. Sono loro, al momento, a spartirsi la torta dei circoli, con Michele Emiliano costretto ad accontentarsi delle briciole: 2,4 per cento per il governatore della Puglia. Dati che vengono presi con le pinze dai sostenitori di Emiliano e con cauta soddisfazione da Renzi e dal suo stretto entourage. “Stiamo andando bene”, ha commentato l’ex segretario nella consueta Enews per poi lasciare la parola a Lorenzo Guerini, coordinatore della mozione Renzi-Martina: “Sono dati positivi quelli che emergono dai primi congressi di circolo celebrati in questi giorni. In diverse realtà la vittoria della mozione Renzi non era per nulla scontata”.

Video: Orlando, “voglio riformare il partito democratico”

La partita è aperta per il comitato Orlando: “i dati su Andrea Orlando, giunti dai circoli Pd dai primi congressi e in particolare quelli provenienti dall’Emilia Romagna, sono molto positivi, a differenza di chi vuole far credere il contrario”, commenta Andrea Martella, coordinatore della mozione. Invita alla cautela, invece, Gero Grassi, deputato Pd e sostenitore di Emiliano: “La corsa alla segreteria è appena iniziata e già c’è chi annuncia la vittoria di Renzi. Vale la pena ricordare che i dati diffusi in queste ore riguardano la sola Emilia Romagna”. Una cautela giustificata se si considera che i dati riguardano appena 444 circoli su 6 mila sparsi in tutta Italia e che, nel caso di Michele Emiliano, il grosso del consenso è concentrato nel Sud del Paese.

Congresso dominato da tema alleanze

Discussioni che accompagnano un congresso fino ad oggi dominato dal tema delle alleanze e da quello della legge elettorale. In una intervista, il deputato Pd Roberto Giachetti ha ribadito la linea della maggioranza dem: il Mattarellum per uscire dall’impasse della legge elettorale. Una ricetta che non funziona per Orlando che ha più volte sottolineato come insistere sul Mattarellum quando tutti hanno già detto di no significa voler andare a votare con il proporzionale uscito dalla Consulta. Una prospettiva che non piace affatto al Guardasigilli, soprattutto perche’ un proporzionale come quello disegnato dalla Corte Costituzionale renderebbe pressoché necessario il ricorso alle larghe intese. 

VideoEmiliano, “la candidatura di Orlando indebolisce Renzi”

Per questo Orlando chiede di intervenire al più presto. Un auspicio che, sembra, rimarrà tale visto che anche oggi, per la seconda volta, è slittato l’approdo della legge elettorale all’Aula di Montecitorio. Il presidente della Commissione Affari Costituzionali, Andrea Mazziotti, ha invitato i partiti a non concentrarsi sulle “proposte di bandiera” per arrivare al risultato “in tempi ragionevoli”. Tuttavia, fonti sia di maggioranza che di alcune forze di opposizione, non nascondono le perplessità e le criticità sulla possibilita’ di arrivare in tempi brevi a convergere su un’unica proposta di legge. A ‘pesare’, ancora una volta, è l’incertezza che regna sul futuro del Pd: tutto dipenderà da chi vince le primarie, viene fatto osservare.

“Fare presto e bene” sulla legge elettorale è anche la parola d’ordine di Mdp che oggi l’ha ribadita con il capogruppo alla Camera, Francesco Laforgia. Il Movimento Democratico e Progressista sta lavorando in queste ore al simbolo che dovrebbe essere presentato a breve oltre che a una piattaforma con una serie di punti, per lo più di carattere di politica economica, da sottoporre al presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. La linea di sostegno all’esecutivo, infatti, è più che mai confermata, ma Speranza e i suoi desiderano svolgere un ruolo di interlocutori del governo e non limitarsi a votare i provvedimenti che vengono sottoposti. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.