TwitterFacebookGoogle+

Retata contro i neofascisti "Napolitano va carbonizzato"

(AGI) – Roma, 22 dic. – C’era un piano finalizzato a colpire Prefetture, Questure e gli uffici di Equitalia, a distruggere lo “Stato fantoccio”, e a eliminare rappresentanti politici e persino gli ‘infami’ legati ai servizi segreti.

Un piano che i carabinieri del Ros hanno scoperto e che ha portato agli arresti di 14 persone (11 in carcere e 3 ai domiciliari) ritenute i componenti di un’associazione clandestina denominata ‘Avanguardia Ordinovista’, di stampo neofascista, che puntava a sovvertire l’ordine democratico dello Stato e che aveva come base Montesilvano.

Guarda il VIDEO

Il gruppo ruotava attorno alla figura di Stefano Manni, ex carabiniere 48enne di Ascoli Piceno che – stando alle indagini condotte dalla Dda dell’Aquila – utilizzava il web, e in particolare Facebook, come strumento di propaganda eversiva, per incitare all’odio razziale e fare proselitismo.

Tra i progetti coltivati dall’organizzazione e sfumati c’era anche l’assassinio di Marco Affatigato (esponente politico dal 1973 al 1976 del Movimento politico ‘Ordine Nuovo’, attualmente latitante in quanto accusato di associazione sovversiva) ritenuto ‘infame’ poiche’ legato “al 90% all’Aisi” e “per aver fatto arrestare tanti camerati”.

A casa di uno degli indagati, poi, e’ stata trovata la lista delle persone che potevano rappresentare degli obiettivi da colpire. In un post intercettato il 28 settembre 2013 sul profilo Facebook, Manni scriveva: “Questo e’ il momento storicamente perfetto per carbonizzare Napolitano e la sua scorta. Da qui deve iniziare la liberazione d’Italia”.

Il 29 ottobre sempre Manni postava la frase: “Colpire tutte le sedi Equitalia con ordigni ad alto potenziale, quando i dipendenti sono dentro”. Nel mirino del gruppo anche il presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, il senatore a vita ed ex presidente del Consiglio Mario Monti e l’ex ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge. Nell’ordinanza del gip Giuseppe Romano Gargarella si legge che “lo scenario politico ed economico italiano e’ considerato dal Manni e dal suo circuito ideologico l’humus favorevole per sollecitare sentimenti di antisemitismo e xenofobia, affiancati da marcate forme di istigazione ed incitamento ad azioni estreme, indirizzate sia contro personalita’ politiche che contro la magistratura”.

Il 26 settembre 2013 Manni postava un’immagine di Enrico Letta, sovrastata da una didascalia dai toni chiaramente minacciosi: “Tu sai, e’ vero che sei stato condannato a morte?”. Preoccupato il commento del presidente della Comunita’ Ebraica di Roma Riccardo Pacifici: “Per chi si ispira al fascismo non ci devono essere mezze misure. Le forze di sicurezza del nostro Paese lavorano ogni giorno per debellare definitivamente questo tumore con l’aiuto di strumenti tecnologici sofisticati. Vogliamo credere che questo immenso lavoro si possa al piu’ presto concretizzare con sentenze esemplari”. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.