TwitterFacebookGoogle+

Ricoverato a L'Aquila anche ultracentenario di Amatrice

L’Aquila. – Il contatore dei feriti, nel tragico sisma di Amatrice, e’ avanzato ancora fino a quota 44. Tante sono le persone giunte finora, dalle 6 di oggi, all’ospedale aquilano, 7 delle quali entrate con codice rosso, quindi in gravi condizioni. Dieci pazienti sono stati dimessi.Il flusso degli ingressi in ospedale, che fino alla 14.30, era stato praticamente ininterrotto, nelle ore successive – stando a un nuovo bollettino diffuso dall’ufficio stampa della Asl – e’ progressivamente rallentato. Per assistere i feriti si sono mobilitati tutti i reparti e, in pronto soccorso, sono stati occupati nei momenti piu’ critici tutti gli spazi disponibili. Tra le persone, ricoverate oggi nel capoluogo abruzzese, c’e’ anche un uomo di 107 anni che si trova ora in rianimazione con trauma toracico e altre lesioni.

Nella lista delle persone ricoverate anche 4 bambini (di cui 2 gemelli) che non sono in condizioni gravi. Al distretto sanitario di Montereale e’ stata allestita una postazione medica avanzata per trattare i casi meno gravi, codici bianchi e verdi, in modo da sgravare il ‘San Salvatore’ del carico di lavoro. La postazione ha una decina di posti letto ma la difficolta’ di collegamento viario con Amatrice rende molto complesso il trasporto delle persone da curare. Sempre a Montereale, i locali della scuola sono stati messi a disposizione per un alloggio provvisorio a beneficio delle persone che, in base alla visita in ospedale, non hanno subito lesioni o ferite: sono state trasportate dal San Salvatore con un mezzo del Comune di L’Aquila. Rianimazione, chirurgia, ortopedia e neurochirurgia sono i reparti in cui vi sono piu’ ricoverati ma e’ tutto l’ospedale a essersi mobilitato, gia’ a partire dalle 4 di oggi, con a capo il manager della Asl, Rinaldo Tordera, che e’ stato tra i primissimi a recarsi al San Salvatore dopo l’evento tellurico e che ha seguito passo passo le operazioni di soccorso. Alle ore di oggi 12 c’e’ stata la riunione alla prefettura all’Aquila e, sempre questa mattina, e’ arrivato l’assessore regionale Silvio Paolucci per fare il punto della situazione insieme ai dirigenti Asl.

Per la giornata di oggi, al presidio di L’Aquila, sono state sospese le operazioni chirurgiche programmate per concentrare gli sforzi sull’emergenza. Gli ospedali di Avezzano e Sulmona, gia’ da questa mattina, hanno messo a disposizione in tutto 61 posti eventualmente da utilizzare per ricoveri; al momento, pero’, non vi sono stati trasferiti feriti. All’Aquila, attorno alle 15, e’ arrivato in ospedale a dare il proprio sostegno istituzionale il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.