TwitterFacebookGoogle+

rientro salme savoia regina elena re vittorio emanule III

Finisce l’esilio postmortem di Vittorio Emanuele III di Savoia e della moglie Jelena Petrovic Njegos. La salma della Regina Elena, in gran segreto, è stata traslata dal cimitero di Montpellier, in Francia, dove fu inumata il 28 novembre 1952, al santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, nel cuneese. E tra alcune settimane potrebbe essere raggiunta dal consorte, che riposa invece ad Alessandria d’Egitto.

Un trasferimento, quest’ultimo, destinato a sollevare polemiche, date le responsabilità storiche di Vittorio Emanuele III nella tragica avventura bellica dell’Italia nella Seconda Guerra Mondiale. Elena aveva seguito il marito in esilio ad Alessandria e, rimasta vedova, si era trasferita in Francia per curare i gravi tumori dei quali soffriva.

“Profonda gratitudine a Mattarella”

La notizia è stata data, a traslazione avvenuta, dalla nipote Maria Gabriella con un comunicato all’agenzia France Presse: “A nome dei discendenti della coppia reale che ha vissuto i suoi 51 anni di matrimonio insieme agli italiani, nella buona e nella cattiva sorte, esprimo la più profonda gratitudine al Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, che ha favorito il trasferimento in Italia”. Il Quirinale in una nota ha confermato di essersi mosso “sul piano diplomatico” per il rientro delle spoglie mortali degli ex regnanti.  

“Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena di Savoia, la Regina amata dagli italiani, concorra alla composizione della memoria nazionale nel 70esimo della morte di Vittorio Emanuele III (28 dicembre 1947) e nel Centenario della Grande Guerra”, ha aggiunto Maria Gabriella. E alcuni quotidiani sostengono che proprio in quella data la salma del re potrebbe essere rimpatriata. A confermarlo a Repubblica il rettore della basilica, don Meo Bessone, che ha celebrato ieri la cerimonia per la sepoltura della regina nel santuario che, nelle intenzioni dei duchi di Savoia, avrebbe dovuto diventare il mausoleo della casata. Chissà se vi troveranno posto in futuro anche Umberto II e Maria José, che regnarono un solo mese prima della proclamazione della Repubblica e riposano nell’abbazia di Heutecombe, in Savoia. 

“I re e le regine d’Italia debbono riposare al Pantheon”

Un gesto di conciliazione che non tutti gli eredi hanno apprezzato. Per il principe Serge di Jugoslavia, bisnipote della regina, l‘ultima dimora dei reali d’Italia non può che essere il Pantheon. “Nonno Umberto II e il bisnonno Vittorio Emanuele III si rivolterebbero nella tomba”, dichiara Serge al Corriere, “i re e le regine d’Italia debbono riposare al Pantheon a Roma, e soltanto lì. È dal 1998, quando Vittorio Emanuele ed Emanuele Filiberto hanno potuto far ritorno in Italia che mi faccio portavoce di questa battaglia: i sovrani d’Italia debbono poter riposare tutti al Pantheon. E poi in famiglia le decisioni si prendono discutendo, e invece in questo caso, se i fatti stanno così, nessun altro in famiglia ne era al corrente. Mia madre, Maria Pia, con me non ne sapeva nulla, neppure zio Vittorio Emanuele e tantomeno Emanuele Filiberto con i quali ho parlato: siamo tutti contrariati da questa iniziativa”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.