TwitterFacebookGoogle+

Rieti. Suora corre in ospedale per dolore. Partorisce figlio di 3 kg, Le avranno spiegato che i bimbi nascono sotto i cavoli

20140117_suoraincinta2Rieti, suora arriva in ospedale dolorante e partorisce un bimbo di 3 chili e mezzo.
La direzione sanitaria per il momento mantiene il silenzio. La religiosa risiede in un convento cittadino.

di Mario Bergamini –

RIETI – Stupore e clamore, in città, per la notizia che sta circolando sui social network di una suora di 35 anni che ha partorito un bimbo all’ospedale di Rieti, San Camillo De Lellis, del peso di 3 chili e 500 grammi..
La donna si è presentata al pronto soccorso dell’ospedale di Rieti nella notte di martedì, accompagnata da un’ambulanza del 118, accusando forti dolori di cui non sapeva spiegarsi la natura. Il medico che l’ha visit

20140117_suoraincinta2Rieti, suora arriva in ospedale dolorante e partorisce un bimbo di 3 chili e mezzo.
La direzione sanitaria per il momento mantiene il silenzio. La religiosa risiede in un convento cittadino.

di Mario Bergamini –

RIETI – Stupore e clamore, in città, per la notizia che sta circolando sui social network di una suora di 35 anni che ha partorito un bimbo all’ospedale di Rieti, San Camillo De Lellis, del peso di 3 chili e 500 grammi..
La donna si è presentata al pronto soccorso dell’ospedale di Rieti nella notte di martedì, accompagnata da un’ambulanza del 118, accusando forti dolori di cui non sapeva spiegarsi la natura. Il medico che l’ha visitata e sottoposta ad ecografia non ha avuto dubbi nel certificarle lo stato di gravidanza, tanto che nel certificato di ricovero, forse per un eccesso di scrupolo, è stato scritto “sospetta gravidanza in suora”. Il bimbo è poi nato con un parto naturale e pesa tre chili e mezzo.

Secondo alcune indiscrezioni, la donna sarebbe di nazionalità ecuadoregna o brasiliana ed ha messo al mondo suo figlio nella prime ore della giornata di mercoledì. La suora, di stanza in un convento cittadino, sarebbe stata accompagnata in ospedale da un’ambulanza del servizio 118, chiamata dalle consorelle, preoccupate per le condizioni della giovane suora. Nonostante la cura della riservatezza e la separazione della suora dalle altre pazienti, la notizia è comunque circolata, rimbalzando prima per i corridoi dei reparti dell’ospedale e poi in città e sui social.

Dalla direzione sanitaria del’ospedale, solo imbarazzati sorrisi e laconici “no comment”.
http://www.ilmessaggero.it/RIETI/rieti_suo…ie/456256.shtml

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.