TwitterFacebookGoogle+

Rifiuta di servire un cliente col cappello di Trump. E viene licenziato

Si è rifiutato di servire un cliente perché indossava un cappello della campagna presidenziale di Donald Trump con lo slogan “Make America great again”. Un gesto che gli è costato il posto di lavoro. L’episodio si è verificato nel Teahouse, rinomato ristorante a Stanley Park a Vancouver, in Canada, e il protagonista è Darin Hodge, l’ormai ex direttore del locale, che dichiara di “non aver alcun rimpianto” per la sua scelta.

Hodge, secondo quanto scrivono i media americani e canadesi, aveva espressamente chiesto al cliente di togliersi il cappello. Quest’ultimo si era rifiutato e il direttore, per risposta, ha detto chiaramente che non l’avrebbe servito. Per Hodge quel cappello rappresentava “razzismo, bigottismo, islamofobia, misoginia, supremazia bianca e omofobia” e per questo motivo, avendo una “forte morale”, ha chiesto al cliente di toglierlo. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.