TwitterFacebookGoogle+

Riforme: Bersani, riduzione del danno ma basta delirio Verdini

(AGI) – Roma, 28 set. – Parla di “una riduzione del danno molto significativa” nella serrata trattativa con la maggioranza sulle riforme ma attende ancora un chiarimento su quello che bolla come il “delirio trasformista” in cui “vedo il senatore Verdini e compagnia, con gli amici di Cosentino e compagnia, che stanno cercando di entrare nel giardino di casa nostra per fare la coalizione della nazione o il partito della nazione”. Pier Luigi Bersani, dai microfoni di Mix 24 su Radio 24, si toglie diversi sassolini dalle scarpe. Il danno cui l’ex segretario Pd fa riferimento e’ quello “che deriva dalla combinazione di legge elettorale e nuove norme costituzionali”, la sua riduzione sta in un emendamento “scritto in modo un po’ bizantino e contorto, si e’ dovuto ricorrere all’applicazione a un comma di un articolo 5 perche’ non e’ passata l’idea di mettere mano all’articolo 2, ma quando in un testo c’e’ scritto ‘in conformita’ alla scelta degli elettori’ c’e’ solo da applicarlo”, osserva. E allora, “adesso abbiamo un Senato elettivo, che ha alcune funzioni di garanzia rafforzate e adesso bisogna andare avanti perche’ c’e’ ancora qualcosa da migliorare: bisogna cambiare le norme transitorie e nello spirito dell’accordo bisogna lavorare ancora sull’elezione del Presidente della Repubblica, per esempio sulla distribuzione di funzioni tra Stato e Regioni che, a mio giudizio, va perfezionata. C’e’ ancora da lavorare, ma un passo e’ stato fatto: un conto – sottolinea Bersani – e’ nominarli a tavolino i senatori, un altro conto e’ eleggerli”. Torniamo ai punti dolenti, a cominciare dal movimentismo degli ex FI, e intorno a loro: “Siccome questo e’ un delirio trasformista, mi aspetterei che dal Nazareno venisse una parola chiara su questo delirio, perche’ non vorrei si sottovalutasse l’effetto che queste cose hanno sui nostri militanti”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.