TwitterFacebookGoogle+

Riforme, chiarimento nel Pd Bersani non presente a direzione

(AGI) – Roma, 21 set. – Roberto Speranza, Gianni Cuperlo, Guglielmo Epifani e Andrea de Maria: sono alcuni degli esponenti della minoranza Pd che, in gruppo, hanno raggiunto il Nazareno per partecipare alla direzione del Pd. Dal gruppo manca Pier Luigi Bersani, atteso stasera alla chiusura della Festa dell’Unita’ di Modena, come spiegato da Alfredo D’Attorre: “Bersani e’ alla festa dell’Unita’ a Modena, questa sera. Aveva gia’ annunciato la sua presenza li'”.

 L’emendamento della maggioranza sul comma 5 verra’ definito domani dai tecnici in Senato. Oggi quindi alla direzione del Pd il segretario non dovrebbe scendere nei dettagli del ddl Boschi. Si sta comunque lavorando ad una soluzione di compromesso. Magari, riferiscono fonti parlamentari, inserendo un inciso al comma affinche’ l’elezione dei senatori indicati dal corpo elettorale venga poi ratificata dal consiglio regionale. Ma la minoranza del partito non vuole formule contraddittorie, chiede che sia chiaro il riferimento sull’elezione diretta. La mediazione tra gli ‘sherpa’ e’ in corso, al momento pero’ non c’e’ ancora un vero e proprio accordo. Bersani auspica che oggi Renzi dia mandato ai senatori di risolvere la ‘querelle’. “La soluzione si trova senza prevaricazioni – dice Alfredo D’Attorre -, la direzione non e’ piu’ un luogo di confronto. Io credo nei lavori parlamentari, piuttosto”. La minoranza potrebbe non partecipare al voto sul documento sulle riforme e continuare poi a trattare nel merito. Ma il premier oggi ribadira’ che e’ finito il tempo delle mediazioni e che occorre decidere. Legando la partita sul pacchetto costituzionale anche a quella sulla legge di stabilita’. La minoranza del Pd sta preparando delle proposte sui temi dell’economia, a partire dalle misure contro la poverta’ e rilancia sulla necessita’ che si apra un tavolo di confronto. “Oggi in direzione si capira’ dai toni di Renzi se e’ possibile un’intesa su tutto oppure no”, spiega un senatiore della minoranza. “Siamo a un millimetro, ci sono le condizioni per condurre in porto l’operazione con successo”, ha spiegato il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, in una intervista su Repubblica, “se si vuole – ha aggiunto – le soluzioni tecniche ci sono. Ma una cosa deve essere chiara. Quel che e’ stato oggetto di doppia lettura conforme non e’ modificabile”. “Sono ottimista sull’intesa”, ha sottolineato anche Luigi Zanda sul ‘Corriere’, “non temo imboscate”. “Secondo me vince Renzi anche stasera nel Pd”, osserva l’ex dem Giuseppe Civati. Intanto l’opposizione torna a criticare il governo. “Il Parlamento si scannasse sulle tasse, sull’immigrazione e sul lavoro”, dice Matteo Salvini accusando l’esecutivo di “fare un mercato imbarazzante” sul ddl Boschi. “Non e’ un regolamento di conti interno al partito democratico”, attacca Maurizio Gasparri di FI. Per il leader dei conservaori e riformisti Raffaele Fitto “e’ triste vedere il ddl ridotto ad un minicongresso del Pd”. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.