TwitterFacebookGoogle+

Rigopiano: recuperata ultima vittima, 29 morti bilancio finale

E’ finita. Undici sopravvissuti, 29 morti, zero dispersi. Col recupero degli ultimi due corpi ieri sera si è chiusa la tragica contabilità della strage all’hotel Rigopiano travolto dalla slavina il 18 gennaio. Le ultime speranze si sono spente ieri poco prima di mezzanotte, quando la prefettura di Pescara ha dato notizia del recupero del corpo di un uomo e di una donna. Degli ultimi corpi che mancavano all’appello. Un comunicato, due righe per dire appunto 29 vittime e 0 dispersi.

Da Barbara a Nadia, storia di quelli che non ce l’hanno fatta 

Non c’è più nessuno da salvare e da cercare tra le stanze e gli ambienti devastati del resort Rigopiano, assurdamente in piedi nonostante la slavina e in alcuni dei quali si può procedere in piedi una volta liberati dalla massa nevosa. Il loro compito, disperato e silenzioso, i vigili del fuoco e il soccorso alpino l’hanno svolto. Non manca più nessuno all’appello. Le ruspe possono farsi strada e spianare. Adesso la parola è solo alla giustizia, per tutti gli altri resta la riflessione sul perché di questa tragedia.

Salvati tre cuccioli di pastore abruzzese

“Quell’albergo non doveva essere lì” 

Secondo alcuni documenti fatti emergere dal Forum H2O Abruzzo, e riportati da Repubblica, risulta che l’hotel Rigopiano è stato costruito su “colate e accumuli di detriti preesistenti, compresi quelli da valanghe”.

Rigopiano colpito da 15 Tour Eiffel

Un fatto che, se confermato, potrebbe spiegare l’effetto devastante della valanga sulla struttura. Secondo i dati ricostruiti dai Carabinieri, si è trattato di una massa di neve e ghiaccio del peso di 120mila tonnellate, lanciata ad una velocità compresa fra i 50 e i 100 chilometri orari. E a 100 chilometri orari si sospetta che sia stato colpito  l’hotel Rigopiano. Come 4.000 tir a pieno carico. O 15 Tour Eiffel. Che arrivano in scivolata.

L’sos inascoltato dell’hotel

Domenica 22 è emerso un altro aneddoto che ha già scatenato le prime polemiche. Un sos inviato via mail dal direttore del Rigopiano. Undici ore prima che la valanga si abbattesse sull’hotel Rigopiano di Farindola, la Provincia di Pescara era stata informata del fatto che per raggiungere l’albergo occorreva una turbina. 

Alle 7 del mattino di mercoledì 18 gennaio l’amministratore dell’hotel, Bruno Di Tommaso, chiese aiuto per email inviando un messaggio alla prefettura e alla Provincia di Pescara, al sindaco di Farindola e alla polizia provinciale. Segnalava una “situazione preoccupante” con telefoni fuori uso e ospiti “terrorizzati” usciti dall’albergo dopo le forti scosse di terremoto, e intenzionati a rifugiarsi nelle loro auto. La mail è ora nelle carte dell’inchiesta del proguratore aggiunto di Pescara Cristina Tedeschini che parla di “una settimana di tempo per fare un primo punto delle indagini”. 

Su cosa indagherà la Procura di Pescara?

Ma la procura indaga anche su altri aspetti ancora oscuri  della vicenda. 

  • Bisognava evacuare prima l’hotel? – Il sito Meteomont segnala in tempo reale il pericolo valanghe. E’ il servizio nazionale di prevenzione del Corpo Forestale (ora nei Carabinieri). Nei giorni precedenti il pericolo valanghe in quella zona era al livello 4 su 5. Il 9 gennaio, il warning recitava: “Appennino abruzzese a rischio forte per caduta valanghe”. Il 12 gennaio: “Majella, la montagna italiana con il maggior rischio valanghe”. Il 16 e il 17, l’allerta per Gran Sasso e dintorni arriva a grado 4, un passo sotto il massimo, ricostruisce La Stampa. Forse qualcosa non ha funzionato nella catena di comando istituzionale (prefettura e sindaco) che avrebbe potuto disporre l’evacuazione della struttura?
     
  • Perché non sono arrivati turbina e spazzaneve? – Prima della slavina, era stato richiesto un intervento di mezzi spazzaneve e di turbine per liberare la strada. La turbina sarebbe dovuta arrivare alle 15, poi alle 19. Secondo i sindacalisti, l’unica macchina si era rotta. Nel frattempo è arrivata la slavina, alle 16:40.
     
  • L’hotel poteva stare lì, alla fine di un canalone? – L’hotel, fino alla ristrutturazione del 2007, era una struttura modesta. Il Fatto Quotidiano ricorda che la storia dell’albergo è segnata da un processo per presunto abuso edilizio conclusosi con un’assoluzione a novembre. La seconda inchiesta, quella per disastro colposo, dovrà prendere in esame tutte le autorizzazioni e i documenti sulla costruzione della struttura.
     
  • Ci sono stati ritardi nei soccorsi? – L’allarme arriva alle 17:05 dal primo sopravvissuto, Giampiero Parente. La macchina dei soccorsi si muove alle 20. C’è una bufera di neve e le strade sono impraticabili. I soccorritori, sci ai piedi, riusciranno ad arrivare nella notte. Qui il racconto. La risposta a questa domanda potrà venire dall’acquisizione dei documenti, soprattutto dagli audio delle telefonate per la richiesta di soccorso dopo la tragedia.
     
  • Perché un blackout di 12 ore degli spazzaneve? – La sera che ha preceduto la slavina, martedì 17, una coppia di ospiti ha lasciato l’albergo perché impaurita dal maltempo, scrive La Stampa. E’ la prova che la strada, 9 chilometri di provinciale che collega Rigopiano con il centro abitato di Farindola, erano percorribili. Fino a quel momento gli spalaneve avevano funzionato. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.