TwitterFacebookGoogle+

Ritarda imbarco per pregare, scafisti gli sparano

Cagliari – Una preghiera prima del viaggio è costata cara a un migrante: gli scafisti, spazientiti, gli hanno sparato alle gambe. A riferire l’ennesimo orrore compiuto dai trafficanti di uomini a Sabratha, in Libia, è stato un ventenne del Gambia, arrivato a Cagliari con ferite d’arma da fuoco alle gambe. I due scafisti sono stati individuati dalla Squadra mobile fra i 930 migranti sbarcati ieri dalla nave norvegese Siem Pilot che li aveva soccorsi al largo delle coste libiche: un minorenne del Gambia e un trentenne nigeriano, che si faceva chiamare “capitano”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.