TwitterFacebookGoogle+

Roccamonfina (CE): Parroco in BMW manda gli esattori a riscuotere contributi “volontari”, Chi non vorrà finanziare il restauro della chiesa dovrà dar conto al prete e ai suoi emissari

CHIESA_COLLEGIATARoccamonfina. Monta la rabbia e la protesta su Facebook per la colletta organizzata dal Parroco in favore della Chiesa Collegiata Santa Maria Maggiore

Questi alcuni incredibili passaggi della lettera del Prete: “Per il resto, questa colletta mi farà capire quanto la gente della MIA Roccamonfina ama la “SUA” chiesa, quanto sia orgogliosa di averla, o se si limita solo ad “usarla”, come fosse una prostituta, o ad ignorala, magari andando a fare “benzina” in qualche Santuario…” 

Il Parroco, don Giadio De Biasio, invia nelle abitazioni dei fedeli della Parrocchia Santa Maria Maggiore di Roccamonfina, la richiesta di una colletta straordinaria, contenente i nominativi dei “ Re Magi” che preleveranno i doni, ma la stragrande maggioranza degli interessati l’hanno attaccato sul social network facebook. Contestualmente, altri residenti si sono rivolti agli organi competenti della zona che, hanno riferito dell’inopportunità dell’azione del Parroco. Centinaia di cittadini hanno voluto ribadire il proprio pensiero, contestando il metodo utilizzato dal Parroco che, invece di attivarsi con un avviso, consentendo cosi l’anonimato del contributo, ha voluto eccedere nel preferire l’impiego di otto Re Magi che, dopo aver bussato alle abitazioni dei fedeli appartenenti alla Chiesa Collegiata Santa Maria Maggiore, seguendo la stella cometa alias Parroco, si inchineranno ai suoi piedi, consegnato le somme che riusciranno a prelevare.

Chiamato in causa in quanto proprietario di una BMW120d, cosi come asserito dallo stesso Parroco, sulla piattaforma sociale facebook si è scatenata la guerra dei commenti che, ha portato alla condivisione dell’azzeramento del metodo del Parroco, ritenuto altamente lesivo nei confronti della privacy dei fedeli. Nel rispondere il Parroco ha utilizzato frasi forti come questa “Per il resto, questa colletta mi farà capire quanto la gente della MIA Roccamonfina ama la “SUA” chiesa, quanto sia orgogliosa di averla, o se si limita solo ad “usarla”, come fosse una prostituta, o ad ignorala, magari andando a fare “benzina” in qualche Santuario, a centinaia di chilometri, per far finta di credere a ciò che non si “HA”, a ciò che non si “E’”. Il parroco è stato anche contestato per aver realizzato un presepe, dove le statuine di cartone, messe in evidenza erano quelle del suo gregge personale che, nelle festività racimola soldi, nonché dei politici locali. Questo suo fare, gli è valso il malcontento di tanti fedeli che, oggi gli hanno fatto pagare lo scotto di come ha agito, pur sottoscrivendo che la chiesa è dei roccani, ma guarda caso la comanda lui e company. “ Si dice che “il maggior disprezzo è la non curanza. Beh, io invece voglio prendermi cura di Voi- ha sottoscritto il Parroco sul commento rivolto ai contestatori- cercando di aiutarvi a colmare qualche mancanze di conoscenza (in latino IGNORANTIA).

Innanzitutto vedo che c’è ancora chi crede alle “favole”: del Vaticano che manda i soldi, che le chiese sono del Vaticano…Carissimi la Parrocchia è un ente riconosciuto dallo Stato Italiano, che gode di personalità giuridica e di cui il Parroco pro tempore è il legale rappresentante. Nello specifico, la chiesa come edificio è di proprietà del medesimo ente e quindi del Popolo di Roccamonfina, che “è” la Parrocchia, quel Popolo che secoli fà, nel lontano 1520 l’ha edificata, e ancora, con altrettanti sacrifici, ha cercato di custodirla nel tempo. Personalmente sono molto orgoglioso della nostra chiesa Collegiata, il monumento storicamente più antico di piazza N. Amore, con il suo campanile in parte del 1300. Chissà se i nostri antenati roccani, che hanno versato sudore e sangue per edificarla e abbellirla,la vedessero così… cosa ci direbbero…cosa ci farebbero! Comunque la mia meraviglia stasera non è tanto per le solite “mancanze di conoscenza” in merito a cose ecclesiastiche, bensì alla NON CONOSCENZA in materia di Automobili. La mia auto è una BMW 120d, 01/2007 con 145000km (che io ho comprato usata nel 2010, importandola dalla Germania). Una auto di 7 anni. Attualmente su Autoscout24.it viene venduta dai 5000/7000, il che significa che se te la vai a vendere, il rivenditore non ti dà nemmeno tale cifra. Possibile che un giovane di oggi non sappia distinguere una auto nuova da un modello datato 2004-2007…ci riesce pure un Prete a capire la differenza,… e pensare che non sono nemmeno appassionato di auto. Basta avere internet sotto mano per “valutare” subito un bene. Comunque, ringraziando Iddio è l’unica cosa che possiedo, visto che non possiedo nè una casa, ne terreni. Per il resto, questa colletta mi farà capire quanto la gente della MIA Roccamonfina ama la “SUA” chiesa, quanto sia orgogliosa di averla, o se si limita solo ad “usarla”, come fosse una prostituta, o ad ignorala, magari andando a fare “benzina” in qualche Santuario, a centinaia di chilometri, per far finta di credere a ciò che non si “HA”, a ciò che non si “E’”.

Anna Izzo

giacomotto

 

http://www.caiazzorinasce.net/2014/01/rocc…abbia-e-la.html

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.