TwitterFacebookGoogle+

Rom e Sinti, manifestazione davanti a Montecitorio contro l'intolleranza

“Abbiamo chiesto al PD di aprirci il Nazareno”, queste le parole di Marcello Zuinisi, fondatore dell’Associazione Nazione Rom, da sempre vicino a queste popolazioni presente oggi a Montecitorio per una manifestazione pacifica che oltre a ricordare lo sterminio dei Rom e dei Sinti avvenuto il 2 agosto 1944 nel lager di Auschwitz-Birkenau, la manifestazione, ha avuto come scopo quello di denunciare il clima di discriminazione, con minacce di censimenti etnici e violenza diffusa contro persone e comunità Rom e Sinti, e per chiedere al governo italiano politiche inclusive ed efficaci. “Le famiglie con bambini, stanche di dormire fuori, la notte scorsa hanno occupato un hotel a Saxa Rubra, ma questa mattina duecento agenti di  Polizia li hanno fatti sgomberare. Ieri Matteo Orfini e l’europarlamentare Silvia Costa erano con noi, stiamo chiedendo al PD di aprire la sede del Nazareno per dare rifugio alle famiglie Rom”, ha concluso Zuinisi. A partecipare molte sigle: CGIL, Potere al Popolo, ARCI e Anpi. Presente il vignettista Vauro.

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.